Di Maio: no ad un governo senza M5S, sarebbe insulto alla democrazia

Adjust Comment Print

Salvini non resta a guardare. Gli amici e i militanti - che la definiscono "generosa" visto che utilizza per la causa del Movimento ogni spazio ritagliato all'impegno professionale di civilista - ricordano i comizi e le assemblee con Di Maio, spesso presente ad Alcamo per la campagna delle Regionali. Ci sono due forze politiche che hanno vinto le elezioni.

"Il percorso della Lega mi sembra chiaro e se ne sono accorti tutti sia dentro sia fuori ed è stato accettato con entusiasmo sia dentro sia fuori".

Si torna logicamente a quelli che sono stati i temi al centro della campagna elettorale come ad esempio il reddito di cittadinanza.

Sampdoria, Giampaolo ricorda Astori: emozioni per il difensore della Fiorentina
Sono stati bravi i ragazzi, io ho fatto poco e niente: " le prestazioni ci sono sempre state, per me questo è importante ". Ossigeno puro per i calabresi che riaprono il discorso salvezza salendo a quota 24, a pari punti con Spal e Sassuolo.

Di Maio continua, elencando le priorità - a suo avviso - attese dai cittadini negli ultimi 30 anni: "Abbiamo messo al primo posto la qualità della vita dei cittadini che vuol dire eliminazione della povertà, una manovra fiscale shock per creare lavoro, perché le tasse alle imprese sono le più alte del continente, e finalmente un welfare alle famiglie ricalcando il modello applicato dalla Francia, che non a caso è la nazione europea dove si fanno più figli". Quanto alla leader del Front National, "le ho mandato il mio augurio", ha risposto.

"Il movimento 5 Stelle è il primo partito, un governo senza di noi non si farà, a meno che tutte le altre forze si mettano insieme contro di noi, per non farci guidare il Paese", ha affermato Di Maio che ha proseguito: "Invito gli italiani a seguire la politica con passione in questi giorni, e a partecipare uniti". "Questa occasione - sottolinea - non può essere persa". Noi abbiamo sempre detto che non vogliamo lasciare il Paese del caos a causa di una legge elettorale creata per arginare la nostra formazione ma non gli è andata bene. "Io sono dell'idea che quando si perde si sta all'opposizione - dice il presidente dei democratici, Matteo Orfini -". Ma l'accordo con i cinque stelle non esiste in natura. Dopo le indiscrezioni del settimanale 'Oggi' - che aveva raccontato di un avvicinamento fra il leader M5S e la vicepresidente del consiglio comunale della cittadina siciliana, fresca di separazione dall'ormai ex marito -, ecco che la presunta coppia viene 'pizzicata' da alcuni turisti durante una rilassata passeggiata sulle spiagge del trapanese.

Comments