Sventato traffico di droga dall'Albania, la Dia arresta 43 persone

Adjust Comment Print

Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Operazione antidroga, denominata "Shefi", da parte della direzione investigativa antimafia di Bari, fra Italia e Albania.

Il controllo più approfondito del contenuto consentiva di comprendere le ragioni di tali anomalie: perfettamente occultata tra quintali di cipolle, un'ingente partita di stupefacente di oltre 640 chilogrammi di hashish. Destinatarie persone domiciliate, oltre che in Puglia, in Sicilia, Campania, Calabria e Abruzzo. Sono emerse varie figure il cui ruolo poliedrico spaziava dalla cessione diretta a quella di corriere della droga per conto del sodalizio, e altre con quello di veri e propri intermediari nella vendita dello stupefacente tra i vertici del gruppo ed i singoli acquirenti di tutta la provincia di Napoli, attraverso un collaudato sistema di commercializzazione trasversale rispetto alle organizzazioni camorristiche presenti sul territori.

Ascoli Picchio, due giocatori bianconeri aggrediti al ritorno da Venezia
L'Ascoli da qualche giorno occupa l'ultimo posto in Serie B, la paura di retrocedere è tanta, il rischio dopo tante stagioni di ritornare in Serie C è forte.

Avevano "una dotazione bellica pronta all'uso al fine di regolare i conti con creditori riottosi" i presunti componenti dell'associazione a delinquere dedita al traffico internazionale di stupefacenti e alle rapine individuata dalla Procura di Milano. Per poter disporre di diversi chili di sostanza stupefacente si devono infatti avere canali di approvvigionamento ben collaudati ed efficienti che solo i narcotrafficanti di rilievo posseggono.

I militari, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di spaccio e detenzione di stupefacenti, si sono introdotti nell'androne di una palazzina del centro, già nota ai militari quale piazza di spaccio, notando all'interno un uomo che alla loro vista cercava di fuggire e nascondersi nelle scale dello stabile.

I provvedimenti cautelari - nei confronti di 20 italiani, 21 albanesi e 2 Rumeni - sono stati eseguiti in Albania (in esecuzione di un mandato d'arresto internazionale) e nelle province di Bari, Bat, Brindisi, Potenza, Bologna, Salerno, Ragusa e Teramo.

Comments