Neonata trovata morta tra i rifiuti

Adjust Comment Print

Il corpicino di una neonata è stato scoperto in una ditta di trattamento rifiuti di Casine di Ostra, su un nastro trasportatore. Dall'autopsia, condotta nel pomeriggio, emerge che la piccola era nata viva, ma sarebbe già stata morta quando è finita nel meccanismo dei camion che raccolgono la spazzatura e la trasportano poi al centro di trattamento. Il pubblico ministero di turno ha avviato un'inchiesta e disposto l'autopsia per chiarire cosa sia accaduto. L'attività è stata immediatamente bloccata all'interno dell'azienda che raccoglie rifiuti da vari centri delle Marche.

A fare il macabro del corpicino straziato rinvenimento è stato uno degli operai, che ha subito dato l'allarme. A seguire le indagini, i Carabinieri di Senigallia. Il medico legale Adriano Tagliabracci si è riservato sessanta giorni per effettuare ulteriori esami da cui emergerà l'etnia della bambina che potrebbe essere originaria del sud est asiatico o nord Africa.

Turista partorisce in mare: le foto fanno il giro del web
La turista che ha partorito era accompagnata da un medico che ha prelevato il bambino portandolo a riva. Il fatto è avvenuto a Dahab , cittadina sulla costa sud orientale della penisola del Sinai.

La neonata aveva ancora parte del cordone ombelicale attaccato. I carabinieri ora stanno cercando di capire da dove possa provenire il corpo.

Comments