Inzaghi: "Anche oggi non ci hanno dato un rigore..."

Adjust Comment Print

Simone Inzaghi, allenatore della Lazio, dopo il pareggio con il Cagliari è intervenuto ai microfoni di Sky Sport: "Abbiamo fatto una buona partita, abbiamo dato tutto e meritavamo di più".

Inutile dire che il siparietto comico ha fatto divertire anche i supporters ucraini che in ogni caso hanno avuto davvero pochi motivi per esultare: il match è stato condotto con convinzione e determinazione dalla squadra laziale che ha lasciato poco spazio di manovra alla Dinamo Kiev che si è rivelata incisiva soltanto in un paio di occasioni nel secondo tempo. Abbiamo tirato ben ventuno volte in porta però abbiamo fatto un solo gol.

Papa Francesco a San Giovanni Rotondo: a lavoro i volontari Federiciani
Predisposte anche alcuni maxi schermo per quei pellegrini che non riusciranno ad entrare nel sagrato. Il Papa si reca domani in un breve pellegrinaggio sui luoghi di Padre Pio.

"Adesso riposiamoci durante la sosta, questa era l'ultima partita di una lunga serie di impegni, un po' di stanchezza ci sta - ha aggiunto Inzaghi - Oggi non era facile giocare senza tre giocatori importanti come Radu, Lulic e Milinkovic-Savic". Noi, così come il Milan, abbiamo giocato più gare. Abbiamo voluto con tutte le nostre forze l'Europa League e vogliamo continuare. "É una stagione molto positiva -ha dichiarato Inzaghi- Ora siamo negli ultimi tre mesi e dobbiamo concluderla al meglio". Non ci sarà Milinkovic, che già a Cagliari già non stava bene. Ci faremo trovare pronti quando il campionato ripartirà. Giovedì a Kiev abbiamo speso tanto. Vorrei una Lazio brutta, sporca e cattiva ma che si prenda la qualificazione. Anche stasera mi hanno detto che c'era un rigore per noi, è inutile che io continui a parlare dell'argomento. Nelle partite di oggi ho visto più arbitri al monitor che in campo, questo non è più calcio. La nostra classifica è bugiarda, è sotto gli occhi di tutti quello che è successo. "Onore a questi ragazzi che non mollano mai".

"Ci andrei piano. Non perdono da 33 partite, hanno eliminato grandi squadre". Il tecnico di Piacenza chiederà uno sforzo ai big, la prossima settimana il campionato si fermerà per la sosta delle nazionali, contro la squadra di Donadoni verrà confermato il classico 3-5-2.

Comments