Maroni: errore un governo M5s-Lega, tifo per le larghe intese

Adjust Comment Print

Quello che vuole il leader di Fi e' "evitare un governo che escluda Forza Italia e sta lavorando per l'unico governo possibile che possa evitare elezioni anticipate in autunno".

"Mi auguro che a Roma ci sia una soluzione che tenga conto di mantenere l'unita' della coalizione di centrodestra, lo dico per il buongoverno di Lombardia, Veneto e Liguria".

"Vedo impossibile un governo assieme tra Lega e M5S". Piuttosto che un Governo Lega-M5S, Maroni propende per un Governo di larghe intese che garantirebbe la compattezza del centrodestra. Con la rottura dell'alleanza di centrodestra si tornerebbe a votare in Lombardia.

Pavoletti e rigore di Barella Il Cagliari la ribalta nel recupero
Le ultime partite non permettono alla squadra di López di trascorrere con tranquillità la parte finale di campionato. Sardi che vanno dunque a 29 punti a +4 da Chievo e Spal , e si proietta ancora di più verso la salvezza.

Salvini ha inoltre chiesto pazienza, almeno fino all'elezione dei Presidenti delle Camere, a chi gli chiede "di iniziare a lavorare". "E' una questione di coerenza politica e di praticita'", ha aggiunto Maroni. "Penso sia una cosa utile da evitare". Ma mi auguro che il centrodestra, un patrimonio che abbiamo creato con Bossi, non venga distrutto. "Salvini ha avuto una grande vittoria elettorale, adesso la trasformi in vittoria politica". Non sia una vittoria di Pirro, dialoghi con tutto il centrodestra. "Spero che diano una mano a far ripartire questo Paese", ha commentato oggi a Milano, parlando con i cronisti a margine di un evento con gli eletti della Lombardia.

Secondo quanto circola su Facebook e Twitter tra alcuni sostenitori della Lega - anche se mancano per ora le conferme ufficiali dall'account di Salvini stesso - il candidato premier del centrodestra dovrebbe essere ospite oggi pomeriggio alle ore 18 nel programma di Barbara D'Urso Domenica Live. Se Roberto Maroni su Rai Tre ha dichiarato impossibile un governo Lega-M5s, il leader del Carroccio, Matteo Salvini, si è quest'oggi lasciato andare a una clamorosa apertura. Al Colle intanto Mattarella osserva i piani muoversi e le trattative continuare, con l'asse M5s-Lega ovviamente che desta le maggiori "occhiate" del Quirinale per capire se vi sia una reale stabilità in quel possibile accordo di governo: "Sergio Mattarella resta attaccato alla realtà e tiene sempre sulla scrivania il grafico con i numeri parlamentari, unici dati affidabile di queste giornate". Ma Salvini non ci sta e boccia di netto la proposta: meglio dare priorità al lavoro, "non intendo utilizzare le presidenze delle Camere per abolire solo i vitalizi".

Comments