Sciopero trasporti Roma 22 marzo 2018: bus e metro fermi 24 ore

Adjust Comment Print

Oggi sciopero di 24 ore nei trasporti. Coinvolti i mezzi pubblici e gli impiegati dell'Anagrafe.

Le agitazioni interesseranno sia la rete Atac (bus, filobus, tram, metropolitane, ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle, Roma Civitacastellana-Viterbo) che i bus periferici gestiti dalla Roma Tpl.

Flavia Scicchitano Giovedì nero per il trasporto pubblico nella capitale, a causa di un doppio sciopero che rischia di paralizzare la città.

Lo sciopero comincerà dalle ore 8,30 alle ore 17 e dalle ore 20 a fine servizio ma saranno rispettate le fasce di garanzia.

Alla base di questo sciopero, vi è innanzitutto l'insoddisfazione per il concordato presentato dall'Atac.

Scontro tra auto in Campania, ferito Clemente Mastella
Mastella ha subito lesioni a una mano, e dopo essere stato medicato intende consultare uno specialista in traumi ossei. Sono all'ospedale di Piedimonte non so se ho subìto altri danni ora mi sottoporranno ad accertamenti dignostici".

Il malcontento riguarda inoltre l'arretratezza dei mezzi di trasporto e lo stato della pavimentazione urbana, che stando al comunicato stanno fortemente danneggiando la salute dei conducenti, colpiti dalla percentuale di malattie professionali più alta d'Italia.

Lo sciopero coinvolge anche dei dipendenti dell'Anagrafe. A spiegare le motivazioni dello sciopero è Maria Regina Silvia Garau, rappresentante sindacale dell'Asbel/Cnl: "Abbiamo atteso invano che l'amministrazione comunale intervenisse per limitare i disagi della cittadinanza, stante l'eliminazione dei servizi di cassa municipale". Gli impiegati dell'Anagrafe manifesteranno invece a partire dalle 10:00, sotto le finestre della Prefettura.

Venerdì 23 marzo sarà invece il turno dei docenti. Una ulteriore pessima notizia - ma questa volta non c'entrano i sindacati - è fornita dalle condizioni meteo per l'intera giornata di oggi: "Dalla serata di mercoledì 21 marzo 2018, e per le successive 24-36 ore, si prevedono sul Lazio: il persistere di venti forti o di burrasca nord-orientali, con raffiche di burrasca forte, sui settori settentrionali".

"Quella del concordato è una strada senza ritorno" si legge in una nota del sindacato Usb. A rischio anche altri servizi.

Comments