Italia, Pellegrini: "Stufi di veder vincere gli altri"

Adjust Comment Print

Certo per un giovane è importante poter giocare ad alti livelli, ma a Roma sto bene. Se il primo vede in Max Allegri uno dei suoi più grandi estimatori, il classe 1996 cresciuto nelle giovanili della Roma è da mesi uno dei nomi in cima alla lista di Marotta e Paratici. Totti e De Rossi dicono che vincere qui vale dieci volte di più che vincere altrove.

Che Lorenzo Pellegrini fosse un potenziale azzurro si intuiva già quando il ragazzino cresciuto a Cinecittà Est vestiva la maglia delle giovanili della Roma. Queste le sue parole: "Tutti noi vogliamo ricominciare e lasciare un segno". Ancora non lo so e spero di capirlo presto. L'ambizione ce l'ha anche la società, oltre ai giocatori. Non dobbiamo pensare troppo, ma ricompattarci.

Sampaoli: "Higuain al Mondiale, per Dybala sarà complicato…"
Al di là dei singoli, però, Sampaoli mette in primo piano il collettivo: "La cosa che più mi interessa è il senso della squadra. La Joya della Juventus si "consola" con una comparsata nel celebre programma di Canale 5 in onda questa sera dalle 21.20 circa.

Non solo la Roma ma Lorenzo Pellegrini vuole vincere anche con l'Italia: "Ci siamo stancati di vedere sempre gli altri trionfare. Io sono convinto che la squadra è forte e piena di lavoro e il lavoro paga sempre anche se il periodo non è dei più semplici". Questo dev'essere il punto di ripartenza per tutti quanti, facciamo fatica ormai da qualche anno. Da lì sono partiti pochi rifornimenti per un attacco che non segna da tre partite: "Possiamo migliorare molto nella gestione della palla, magari rubando da altri quello che al momento non abbiamo". Sarebbe bello iniziare a batterlo da subito, magari già la prossima settimana. "Le critiche? È un professionista, è abituato alle pressioni".

Comments