Redditi annui in leggero aumento. Nelle Isole la media è 16.660 euro

Adjust Comment Print

Il reddito complessivo totale dichiarato dagli italiani nel 2017 ammonta a circa 843 miliardi di euro (+10 miliardi rispetto all'anno precedente) per un valore medio di 20.940 euro, in aumento dell'1,2% rispetto al reddito complessivo medio dichiarato l'anno precedente.

Ancora: il 45% dei contribuenti italiani si colloca nella classe di reddito fino a 15mila euro; in quella tra i 15mila e i 50mila euro si posiziona il 50% dei contribuenti, che dichiara il 57% dell'Irpef totale, mentre solo il 5,3% dei contribuenti dichiara più di 50mila euro. Per la prima volta vengono anche dettagliati i redditi degli imprenditori che sono anche datori di lavoro: dichiarano in media 31.493 euro, mentre i rispettivi dipendenti dichiarano un reddito di 9.700 euro. Lo rileva il ministero dell'Economia, nel dossier che raccoglie le statistiche sulle dichiarazioni fiscali. Sopra i 50mila euro troviamo il 5,3% della popolazione.

TIPOLOGIE DI REDDITO: quelli da lavoro dipendente e da pensione sono circa l'82% del reddito complessivo dichiarato; il reddito da pensione circa il 30% del totale.

Esplode un serbatoio nel porto a Livorno, 2 morti
I due operai , dipendenti della Labromare di Livorno secondo una prima ricostruzione stavano lavorando all'esterno. In via precauzionale la zona interessata all'esplosione è stata completamente evacuata.

Nelle Isole - Sardegna e Sicilia - il reddito medio è pari a 16.660 euro, in aumento dell'1,06%, di poco superiore a quello del resto del Mezzogiorno (16.550 euro), ma nettamente più basso rispetto a quello del Nord-ovest (23.860 euro), del Nord-est (22.420) e delle regioni del Centro (21.700 euro). Più del doppio dei lavoratori dipendenti che si fermano a 20.680 euro. Al contrario, quasi 700mila persone a cui non era stato versato dal sostituto di imposta, hanno potuto usufruirne con la dichiarazione dei redditi. Il Mef sottolinea anche come più di dieci milioni di soggetti hanno un'imposta pari a zero, poiché i loro redditi - in quasi tutti i casi - rientrano nelle soglie di esenzione.

Oltre 1,7 milioni di soggetti hanno dovuto restituire integralmente o parzialmente il bonus di 80 euro ricevuto, per un importo di circa 480 milioni di euro.

L'addizionale regionale media varia dal minimo di 270 euro in Sardegna e Basilicata al massimo di 640 euro nel Lazio, mentre l'addizionale comunale media varia dal minimo di 60 euro nella provincia autonoma di Bolzano al massimo di 250 euro nel Lazio. Di questi 1,1 milioni hanno però ottenuto anche la restituzione di ritenute Irpef indebitamente versate, pari a 735 milioni di euro.

Comments