Dj Fabo, Lega: decisione Governo su Consulta sacrosanta

Adjust Comment Print

L'obiettivo dell'associazione e di Marco Cappato, invece, resta sempre lo stesso: "Far prevalere, contro la lettera del codice penale del 1930, i principi di libertà e autodeterminazione riconosciuti dalla Costituzione italiana e dalla Convenzione europea dei diritti umani, nella convinzione che Fabiano Antoniani avesse diritto a ottenere in Italia il tipo di assistenza che, a proprio rischio e pericolo, ha dovuto andare a cercare all'estero con l'aiuto di Marco Cappato". Il perché lo spiegano direttamente dal ministero della Giustizia. Lo ha affermato in una dichiarazione il deputato della Lega Alessandro Pagano. E' possibile che la Consulta definisca il giudizio con una cosiddetta sentenza interpretativa di rigetto, fornendo cioè i criteri per un'interpretazione.

Nel corso del processo davanti all'Assise sia l'accusa che la difesa avevano chiesto l'assoluzione, mettendo in luce che Cappato aiutò Fabo "a esercitare un suo diritto, non il diritto al suicidio ma il diritto alla dignità" nel morire. Deluse le associazioni dei radicali e i firmatari dell'appello (tra cui Saviano e Odifreddi, ndr) che chiedevano allo Stato di schierarsi dalla parte di Marco Cappato (come aveva fatto il pm Tiziana Siciliano in sede processuale, "Mi rifiuto di essere l'avvocato dell'accusa, io rappresento lo Stato e lo Stato è anche Marco Cappato"). È quanto si legge in una nota diffusa nel pomeriggio dal Movimento per la vita italiano (Mpv).

Guasto informatico alla Eurocontrol: rischio ritardi per il 50% dei voli europei
Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Lo riferisce l'Eurocontrol , l'organizzazione europea che si occupa del controlli dei voli nel continente.

Lo ha reso noto il 3 aprile 2018 l'associazione Luca Coscioni, che nei giorni scorsi aveva lanciato un appello, che aveva raccolto 15mila firme, per chiedere a Palazzo Chigi si non intervenire in difesa del reato. Il 14 febbraio scorso, la Corte d'Assise di Milano nel processo penale a carico di Cappato aveva sollevato la questione di legittimità costituzionale dell'articolo 580 del Codice Penale, quello che punisce il reato di istigazione e aiuto al suicidio.

Il governo ha deciso di costituirsi alla Consulta per dirimere il delicatissimo tema del suicidio assistito. "La scelta è, oltre che del tutto legittima, anche pienamente politica".

Comments