Gattuso sgrida Bonucci: 'Non mi sono piaciute le sue parole. A Torino...'

Adjust Comment Print

Il derby di Milano è ormai alle porte e Gennaro Gattuso è intervenuto in conferenza stampa in quel di Milanello.

La traversa di Çalhanoglu a Torino avrebbe regalato la vittoria?

Il confronto con Spalletti: "Non c'è paragone. Sarà Milan-Inter e non lui contro di me, è solo un onore affrontarlo". Con la Juve abbiamo fatto una grandissima partita. Se facciamo bene, il pubblico ci darà una mano.

Bonucci. "Le sue parole sul mercato?" Non possiamo sbagliare se vogliamo credere ancora all'obiettivo Champions League. "Qui ci sono 25 calciatori e non tutti hanno la mentalità di Leo ma avercene di gente come lui nello spogliatoio". "Ha voglia e sta lavorando su questi aspetti".

"In base a ciò che vedo in settimana, alla partita e agli avversari".

Ringhio ha dichiarato che domani sarà una partita molto ostica per i rossoneri, poiché l'Inter ha ripreso la sua corsa e nelle ultime partite ha segnato 10 gol, ritrovando anche il suo capitano Mauro Icardi, ed ha subito 0 gol. La scelta era questa, sta bene, domani farò un'altra scelta per caratteristiche dei difensori dell'Inter.

Gara rabbiosa o d'attesa da parte del Milan? "Noi non siamo cattivi nel DNA, quindi servirà fare una gara nostra".

Gattuso, il pubblico dovrà essere decisivo domani? A livello fisico loro fanno la differenza”. "Domenica la mia faccia non era proprio un belvedere". Ma è quello che piace a me, devono bruciare le partite perse in questo modo. Sono rimasto contento perché nessuno si è accontentato della prestazione, dobbiamo crescere ancora di più.

Cambia il modulo domani? "Dovete spiarmi, anche dagli alberi".

Papa: basta sterminio Siria, accogliere chi fugge
Chi ha ricevuto l'annuncio corre, perché " le sorprese di Dio ci mettono in cammino subito, senza aspettare ". Per dirla col linguaggio dei giovani, è un colpo basso: "tu non te l'aspetti, e ti commuove".

La condizione di Bonaventura: "È stato massacrato da molti di voi, ma per noi è fondamentale". Ci sono partite che possono cambiare la carriera di un giocatore e di un allenatore.

Bonucci nel ruolo di regista? Ma in questo momento non possiamo fare alcun esperimento. Quando siamo compatti e stretti, diventiamo devastanti. "Per fare cambiamenti serve tempo e lavoro sul campo, ma noi adesso non abbiamo la possibilità di sperimentare". "Ora non possiamo permetterceli".

SULL'ASSENZA DI BIGLIA: 'Domani gioca Montolivo. Ma è quello che piace a me. "Nel derby vedrete lo stesso Milan visto negli ultimi mesi".

Avete studiato una tattica particolare per domani?

Sul contratto: "Non è un problema". Ma il mio pensiero oggi è un altro. Dobbiamo essere convinti entrambi, oppure si aspetta e alla fine vedremo. La priorità ora non è il contratto ma fare più punti possibili e valorizzare questi ragazzi. Io ho un rapporto diretto coi miei ragazzi, sanno cosa voglio e cosa penso, non voglio vedere nessuno che si offende. Mi sento il presidente, capo ultras, magazziniere e allenatore; quando si perde mi brucia. "A casa mia si dice che quando si parla una, due volte, alla terza è già troppo".

Derby come una finale?

"E' da un bel po' che giochiamo finali". Con l'Inter sarà una gara difficile, come tutte le altre. "Mettiamo in campo le nostre armi, poi vinca il migliore". Devo essere sincero: non mi sono piaciute tantissimo le parole di Leo.

Immancabile la solita domanda sul rinnovo di contratto, che sarebbe dovuto arrivare in questi giorni: "Non è un problema. Abbiamo rivisto le cose dello Stadium e abbiamo fatto errori perché tra di noi discutevamo, bisogna andarci sul pallone". La priorità deve essere una squadra che gioca corta, è questo che fa la differenza in questo momento. La loro parte l'hanno già fatta battendo il record di incasso. Ultimamente si respira un'aria diversa. "Serve migliorare sulla mentalità e sulla voglia di combattere col coltello tra i denti".

Comments