Musumeci denuncia: "Dipendenti regionali adottati per avere 104"

Adjust Comment Print

Dipendenti della #Regione Sicilia si sarebbero fatti adottare da anziani malati per poter usufruire dei permessi previsti dalla #legge 104 per l'assistenza ai familiari disabili.

L'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, presente alla conferenza stampa, ha già proceduto a una verifica dei progetti finanziabili, "perché il tema resta - ha aggiunto Musumeci - quello della dotazione progettuale e abbiamo concordato sulla disponibilità di 300 milioni di euro". Lo denuncia il Governatore siciliano Nello Musumeci, incontrando i giornalisti a Palazzo d'Orleans. "Riteniamo- ha proseguito il presidente di AnciSicilia- che il confronto di oggi con l'Assemblea Regionale Siciliana debba proseguire e riteniamo, pertanto, importante prevedere, prima dell'approvazione definitiva della Legge di Stabilità per il 2018, un ulteriore incontro". Si tratta della legge per chi ha in famiglia un parente disabile.

UFFICIALE: l'Avellino esonera Walter Novellino. Ora Claudio Foscarini
Sarà presentato domani pomeriggio, mercoledì 4 aprile alle ore 17:30 presso la sala stampa del Partenio - Lombardi. Walter Alfredo Novellino e il collaboratore tecnico Simone Tomassoli sono stati esonerati dall'incarico.

E in proposito il cahier de doleances si allunga: oltre all'increscioso fenomeno dei furbetti della 104, ci sono 2.600 dipendenti che sono dirigenti sindacali e pertanto non possono essere distaccati e 3.000 che fra due anni andranno in pensione. Il governatore ha fatto quindi un cenno "sulla difficoltà che stiamo avendo a trovare tecnici e altre professionalità" all'interno dei 13 mila dipendenti della Regione.

Il presidente della Regione, sostenuto da cinque liste di centrodestra, promette allora una lotta senza quartiere: "Faremo alcuni controlli e troveremo le organizzazioni sindacali dalla nostra parte: ognuno si assumerà la responsabilità delle proprie azioni, il tempo dei giochetti, delle coperture e dei ricatti reciproci è scaduto". Savarino ha ricordato che per la Palermo-Catania l'Anas ha stanziato 800 milioni di euro "per la ristrutturazione dell'arteria e si procederà per lotti". "L'errore in questa strada - ha detto Savarino - è aprire un cantieri unico lungo i 38 km, invece di procedere per lotti".

Comments