Gattuso: 'Bonaventura non si tocca. Ecco cosa chiedo dal mercato'

Adjust Comment Print

Il Milan deve rialzare la testa, i due passi falsi contro la Juventus e l'Inter, e per farlo deve vincere contro il Sassuolo, un ulteriore passo falso spegnerebbe definitivamente le flebili speranze dei rossoneri. Non molliamo, non vedo il motivo. "Dobbiamo giocare tutte le partite col coltello tra i denti". La parata più importante l'ha fatta Handanovic su Hakan, tanti meriti anche all'Inter'. Dobbiamo stare attenti, sicuramente avremo il pallino del gioco in mano, ma il Sassuolo va sempre in verticale. Ogni volta quando hanno palla non perdono del tempo, hanno giocate codificate. Tecnicamente potrebbe dare di più ma a livello di equilibrio ci sta dando tantissimo. Guarda al presente che si chiama Sassuolo, e punta al futuro difendendo i suoi giocatori. Questa squadra non deve assomigliarmi, si deve partire dal basso e giocare bene: mi piace avere una squadra che gioca di reparto. So che qui bastano tre partite per essere tagliati fuori e non voglio che questo accada. "Sento più pressione perchè è la società in cui lavoro e oggi mi sento più pressione perchè ho la consapevolezza che dobbiamo migliorare ancora - ha aggiunto Ringhio - abbiamo i margini". "I giocatori che ho adesso sono i migliori per me, in estate non aspettatevi rivoluzioni". "Ci sta un attimo di appannamento, è un giocatore che sa fare bene la mezzala, non abbiamo un giocatore come lui in squadra". Sulla rincorsa ad un posto in Europa, Gattuso ha detto: "Dobbiamo guardarci dietro, non possiamo sbagliare nulla".

Potrebbe cambiare qualcosa nel rapporto con la squadra?

Mi sento a mio agio e loro anche. In questo senso non c'era bisogno di rinnovo del contratto.

Peter Jackson potrebbe produrre Il Signore degli Anelli di Amazon
Non è ancora noto se Peter Jackson ( regista della trilogia cinematografica de Il Signore degli Anelli ) sarà il produttore esecutivo della serie TV .

"Chi arriverà, dovrà saper giocare a calcio". Tale lavoro è stato molto apprezzato dai vertici dirigenziali del club di via Aldo Rossi che hanno valutato ottimamente lo spirito del tecnico di Corigliano Calabro, ponendo l'accento sulla sua meticolosità durante gli allenamenti quotidiani, sulla grinta, la passione, l'elevato acume tattico e soprattutto il compattare un gruppo giovane e costruito in estate, donando un'anima battagliera e mai arrendevole. "Più criticate i miei giocatori e più li farò giocare". Fa poche cose, ma le fa molto bene. Donnarumma può fare molto di più, ma ci sta qualche errore: da parte mia c'è grande stima. "C'è una grande base, occorre rispetto per questi ragazzi". "Nè Gigio, nè Suso sono una preoccupazione per me".

DONNARUMMA E SUSO - "Ho fatto vedere i dati della sua stagione a Suso e ha capito che sta giocando da leader vero".

Comments