Consultazioni, Salvini categorico: basta con i veti

Adjust Comment Print

"Inaccettabile - aggiunge poi - il rinvio per la formazione di un governo "per aspettare le regionali". Nella dichiarazione che ha letto all'uscita dallo studio alla Vetrata, si parla di un presidente del Consiglio indicato dal leader della Lega, non di un leghista. Oggi il nuovo affondo di Di Maio: "Io non chiedo un parricidio o un tradimento, ma dico, e lo dico a Berlusconi, dopo 24 anni è momento di far partire un governo delle nuove generazioni, un governo del cambiamento". In questo contesto, insieme ai capigruppo, abbiamo deciso intanto di portarci avanti con il lavoro, formando un "Comitato scientifico per l'analisi dei programmi" coordinato dal prof. Prendiamo atto però che ancora una volta Matteo Salvini ci sta proponendo uno schema di centrodestra che è un ostacolo al governo del cambiamento. Dal no all'abolizione del reato di clandestinità alla contrarietà sulla riforma delle carceri del ministro Orlando fino alla castrazione chimica per chi commette stupri e abusi sui minori, è entrato in collisione con i colleghi di Forza Italia soprattutto per due provvedimenti di legge che il Carroccio ha provato a introdurre senza tuttavia riuscirvi.

"Vediamo solo una soluzione per sbloccare lo stallo". "Anche in queste ore una telefonata tra Di Maio e Salvini blinda anche la presidenza della commissione Speciale della Camera".

Visto che né il PD né il Movimento 5 Stelle sembrerebbero propensi a fare da spalla a un esecutivo del genere, l'unica soluzione sembrerebbe essere quella di dar vita a un governo di minoranza. "Domani illustrerò anche i tempi rispetto alle scadenze delle altre forze politiche", ha aggiunto. Al suo fianco Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi che non riesce a tenere a bada la sua tentazione di essere sempre in prima linea. In ogni caso i contatti tra Di Maio e il leader della Lega Salvini non si sarebbero mai interrotti e sarebbero continuati anche ieri.

Siria, Assad in Tv: "Occidente scredita"
La Germania esclude invece una partecipazione all'attacco militare . Lo ha comunicato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert.

Ma alla Lega le parole di Berlusconi non sono piaciute "I veti non ci piacciono a prescindere dalla provenienza". Martina: Pd lavora su temi prioritari. Oggi pomeriggio il primo a parlare è stato il segretario reggente del Partito Democratico, secondo partito alle elezioni del 4 marzo, i cui esponenti finora hanno espresso la volontà di stare all'opposizione. Queste le parole di Pietro Grasso leader di LeU al termine delle consultazioni al Quirinale. Salvini in serata ha fatto diramare una nota in cui il capogruppo al Senato, Gian Marco Centinaio, ha stigmatizzato duramente l'atteggiamento del presidente di Forza Italia.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. "Noi rimaniamo saldamente nel quadro delle scelte che la cooperazione italiana ha sempre confermato". Il capo dello Stato sta facendo "decantare" la situazione.

Comments