Garrone e Rohrwacher: due italiani in Concorso a Cannes 2018

Adjust Comment Print

Più che sulle star, che pure non mancheranno, i riflettori saranno sui temi, e c'è spazio anche per il cinema tricolore.

Lazzaro felice, prodotto da Tempesta, Amka Films Productions, Ad Vitam, Pandora Filmproduktion, Rai Cinema, vedrà tra gli interpreti oltre ad Alba Rohrwacher anche Nicoletta Braschi e il comico e cabarettista Natalino Balasso. Al momento, ha precisato il direttore Thierry Fremaux, perchè alcune aggiunte dell'ultimo minuto sono possibili, e l'Italia spera che tra queste possa rientrare 'Loro', l'attesissimo film di Paolo Sorrentino su Berlusconi che uscirà in due parti, il 24 aprile e il 10 maggio, a festival in corso.

In concorso i due italiani si troveranno assieme a Jean-Luc Godard, Spike Lee, Stéphane Brizé, tanto per far dei nomi. Gli organizzatori hanno fatto un appello a Teheran per consentire la venuta sulla Croisette di Jafar Panahi, il regista interdetto di uscita dall'Iran.

Jonathan e Amaurys: lite furibonda!
Ieri si è consumata una violentissima lite tra Amaurys Perez e Jonathan Kashanian . Io non ho piantato chiodi nella gente e ho lasciato buchi. "Non ce n'è .

Come appena anticipato, è stato il delegato generale del Festival di Cannes, Thierry Frémaux, ad annunciare, anche se non ancora ufficialmente, l'esclusione del film Loro di Paolo Sorrentino [VIDEO]dalla prestigiosa rassegna cinematografica.

Riceviamo e pubblichiamo dall'Ufficio Stampa della Regione Lazio. Il regista 87enne sarà in gara con "Le livre d'Image" (The Picture Book). Il sipario sul Festival si alzerò martedì 8 maggio, con Édouard Baer "maestro di cerimonie" e Cate Blanchett presidente della giuria.

Nel gruppo delle Proiezioni speciali si segnalano invece "Dead Souls" del cinese Wang Bing, reduce dal Pardo d'oro vinto all'ultimo Festival di Locarno con "Mrs. Fang", e "Pope Francis - A Man of His Word" di Wim Wenders. Qui ci vive Marcello, un uomo calmo, piccolo, un pesce fuor d'acqua se considerato il luogo che lo avvolge, in bilico tra la grande metropoli e la natura spietata che governa da tempo con un'unica legge, quella del più forte. Poi nella nobile sezione "Un certain regard" troviamo Euphoria di Valeria Golino.

Comments