Allegri su Buffon: "Un esempio per 20 anni, non lo condanno"

Adjust Comment Print

Da nessuno dei due casi, era il 93° minuto e c'era tensione.

"La Juventus ha fatto un'ottima partita, c'è da fare i complimenti ai ragazzi. Bernardeschi sta lavorando con la squadra, ma non è ancora a disposizione". L'abbiamo preparata in maniera differente ma funzionale all'obiettivo che ci siamo posti.

"Ora c'è da vincere il campionato e la Coppa Italia e il Napoli non molla". "Il primo riguarda le parole di Buffon".

E' troppo facile giudicare da fuori: "per chi non lo capisce ci vuole un corso di psicologia". Lo sfogo di Buffon? Sfido chiunque a non avere una reazione. L'arbitro, fra l'altro, è stato molto bravo nei 90', poi, come al Monopoli, è capitato sulla casella degli Imprevisti ed è andato un po' in confusione.

Come sta la squadra in vista della Sampdoria? All'andata venivamo da gara in cui si vinceva ma incassavamo tanto. "L'arbitro ha dato rigore, resta l'amaro in bocca, non parlo di episodi...". Una partita strepitosa quella degli uomini di Allegri, probabilmente la più bella dell'anno. "Sono più tattiche, ti costruiscono la partita addosso". Higuain? Ha avuto un momento importante, lui soffre quando va in Nazionale e consuma molte energie.

Fiorentina-Spal, Pioli alla 100/a in A
In una settimana tutti i giudizi sulle italiane son stati ribaltati, nel calcio come nella vita non dobbiamo guardare indietro. "Se il Franchi sarà pieno?" La Spal ci presenterà dei rischi, è una squadra in salute, tiene bene il campo e costruisce.

Ha dubbi in attacco o anche di modulo?

Chiellini ha bisogno di riposare?

Le scelte di formazione: "Cuadrado titolare, in porta ci sarà Buffon a meno che non succeda qualcosa oggi".

L'eliminazione con il Real comprometterà il suo futuro? Al di là del contratto che ho fino al 2020 e del fatto che alla Juve sto bene, bisogna parlare dell'anno prossimo e di cosa fare. "Non possiamo pensare di ribaltare l'andata in venti minuti, dobbiamo vedere cosa succederà durante la partita". Un anno sabbatico? Io riposo dal 20 maggio al 9 giugno, quando la Juve si ritrova.

A far propendere la bilancia verso il no all'impresa, però, c'è il timore che incute uno stadio come il Santiago Bernabeu. Interni di centrocampo? Il sistema migliore dipende da partita a partita. E' un peccato uscire in questo modo, perché stasera abbiamo dimostrato che il risultato di Torino era ingiusto. "Poi pensiamo al campionato e dopo vedremo".

Comments