Siria, trovata a Raqqa una fossa comune con 200 corpi

Adjust Comment Print

La macabra scoperta effettuata nelle scorse ore sotto un campo da calcio 22 aprile 2018 - agg. Il macabro annuncio è stato dato da un funzionario della stessa città di Raqqa, Abdallah al-Eriane. "I miliziani erano asserragliati nell'ospedale".

A Raqqa, ex capitale dello stato islamico nel nord della Siria, è stata fatta un' altra scoperta terribile e agghiacciante. Attualmente l'85% delle abitazioni di Raqqa è inagibile o distrutto dai bombardamenti, e solo 50mila persone hanno fatto rientro nelle proprie case. Qui non c'è ancora stata alcuna ricerca delle fosse comuni, come del resto manca del tutto un censimento che cerchi di definire un numero almeno approssimativo delle vittime reali di Isis e dei combattimenti. A renderlo noto, secondo quanto riporta Al Arabiya, un funzionario della città. La fossa, che contiene corpi di civili e ribelli, era stata scavata sotto un campo di calcio, nei pressi dell'ospedale cittadino. In queste fosse finivano coloro che non erano graditi ai jihadisti, e che venivano ammazzati perché non rispettavano le regole assurde dello stesso Isis.

Bullismo a Lecce, 17enne picchiato e umiliato davanti ai compagni
Il video è stato mandato alla madre da un compagno di classe, nel tentativo di aiutare l'amico avvertendo i genitori. Ha aggiunto che "non è ancora chiaro quanti partecipassero alle vessazioni".

Intanto però i morti, quelli veri, vengono fuori dalle zone liberate al giogo dell'Isis. L'ultima, per l'esattezza, prima che fosse cacciato dalla città nell'ottobre del 2017.

Comments