Giro d'Italia, Battaglin vince la quinta tappa

Adjust Comment Print

L'Anas ha subito messo a disposizione dei Pubblici Ministeri Paola Vetro e Salvatore Vella le foto dei luoghi, sia quelle scattate prima che quelle immediatamente dopo l'incidente.

Un gravissimo incidente stradale fra una moto e una Fiat Stilo ha obbligato gli organizzatori del 101° Giro d'Italia di ciclismo, a modificare il percorso della quinta tappa: la Agrigento-Santa Ninfa (Trapani). Stando alle prime informazioni l'automobile avrebbe forzato uno sbarramento disposto dagli organizzatori nonostante il presidio dell'Anas.

L'arresto. Lesioni colpose gravissime e resistenza a pubblico ufficiale. Tra i più resistenti, Andrea Vendrame, che è stato l'ultimo ad essere ripreso quando mancavano 3km all'arrivo e un soffio di vento alla salitella finale, approcciata da un gruppetto ridotto: una caduta a metà plotone aveva infatti ridotto il gruppo maglia rosa a una cinquantina di unità, tra le quali erano rientrati anche Domenico Pozzovivo e Maximilian Schachmann dopo la caduta.

Trasportato tramite elisoccorso, l'uomo L. D., classe 1969, è stato operato e ricoverato in gravi condizioni in Rianimazione all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta per una emorragia cranica.

Mariana piange, Aida Nizar la consola: "Sono tutti cattivi e invidiosi"
Soprattutto fa vedere agli altri concorrenti il bacio che i due si sono scambiati di nascosto, senza rilevarlo a nessuno. Aida Nizar nonostante il freeze è stata più volte rimproverata da Barbara d'Urso perché continuava ugualmente a parlare.

Adesso bisognerà capire perché D'Amico si trovava dentro il percorso della quinta tappa del giro d'Italia. Il Giro d'Italia approdò ad Agrigento la prima volta nel 1965 (vittoria di Carlesi), poi nel 1993 (s'impose il danese Riis) e nel 2008 (Riccò).

Sono stati sentiti alcuni impiegati dell'Anas, coloro che, pare, abbiano tentato di bloccare il settantenne agrigentino.

Arriva un'altra firma italiana in questa prima fase del Giro. I medici non hanno ancora sciolto la prognosi su Leonardo D'Amico, il 48enne originario di Sambuca di Sicilia, investito ieri mattina da Gaetano Agozzino, 70 anni, mentre era a bordo della sua Bmw Gls lungo la strada statale 115, nei pressi di Maddalusa.

Comments