Vodafone, dopo dieci anni Colao abbandona

Adjust Comment Print

Si chiude dopo 10 anni l'esperienza di Vittorio Colao alla guida di Vodafone. Il ruolo di Colao sarà affidato a Nick Read, attuale Cfo mentre Margherita Della Valle diventerà Cfo. Può vantare anche il fatto di aver lasciato in regola i conti dell'azienda, che nell'ultimo trimestre, ha fatto registrare un aumento degli introiti dell'11,8%, pari a oltre 14 miliardi di euro.

Direttore Generale Operazioni in Omnitel dal settembre 1996, nell'agosto 1999 era stato nominato Amministratore Delegato di Vodafone Omnitel.

Colao ha trasformato la la società inglese durante la sua permanenza al vertice.

Soltanto una settimana fa, il manager di 56 anni ha messo a segno l'acquisizione "monstre" delle attività via cavo di Liberty Global plc, in Germania, per 22 milioni di dollari, una mossa destina a disegnare un nuovo profilo per il colosso delle telecomunicazioni. E' stato un leader esemplare e un visionario strategico che ha supervisionato una trasformazione di Vodafone in un punto di riferimento globale nelle comunicazioni convergenti.

L'amministratore delegato del gruppo Vodafone, Vittorio Colao, lascerà il primo ottobre la sua carica dopo 10 anni.

Marsiglia, Garcia: "Abbiamo l'occasione di essere la prima francese a vincere l'EL"
A centrocampo l'esperienza di Gabi può fare la differenza mentre in attacco Diego Costa affiancherà Griezmann. In casa Marsiglia non sarà a disposizione Rolando per infortunio, mentre è in dubbio Mitroglou.

Colao lascia, dunque, un gruppo in crescita.

L'annuncio è stato dato in occasione della presentazione del bilancio 2017-2018, che ha mostrato un utile netto consolidato di 2,4 miliardi di euro a fronte di una perdita di 6,3 miliardi registrata nell'anno precedente. I ricavi scendono del 2,2% a 46,5 miliardi.

Tornando ai risultati dell'esercizio, gli utili operativi del gruppo balzano del 15,4% a 4,3 miliardi.

Per il 2019 le 'guidance´ indicano un incremento del margine operativo organico e normalizzato compreso fra l'1% e il 5% e un flusso di cassa prima dei costi di almeno 5,2 miliardi, in lieve calo rispetto ai 5,4 miliardi del 2018.

Comments