Giro d'Italia, Froome: "E' un sogno che si realizza"

Adjust Comment Print

Chris Froome in trionfo dopo la conclusione della 20/a e penultima tappa del Giro d'Italia di ciclismo, che si è conclusa a Cervinia (Aosta). Si parte dalla Lombardia ma ci si sposta subito verso il Piemonte: Milano, Pavia, Alessandria ed Asti le province toccate prima di andare verso Cuneo, dove si concluderà questa tappa. Il britannico trionfa in solitaria, dopo 82 km di fuga, nella 19/a tappa, la Venaria Reale-Bardonecchia di 185 km e conquista la maglia rosa.

Con un altro tappone alpino rimasto prima della passerella di Roma (la Susa-Cervina, 214 km e 3 gpm di prima categoria), può succedere ancora tutto. Lopez riesce anche a indossare la maglia bianca di miglior giovane, confermando che il futuro è nelle sue mani.

Ridurre la prova messa in mostra da Dumoulin, a quella del primo sconfitto è però decisamente ingeneroso nei confronti di un corridore che oggi ha messo in mostra una mentalità vincente e un motore pazzesco, e se si è dovuto arrendere a Chris Froome è solo perché quest'ultimo è stato più bravo.

Chiusura immediata per il Grande Fratello
Dalle parole di Nina era parso che la 41enne avesse perso un bambino qualche tempo fa. Filippo Contri (segreta): " Simone è la persona con cui ho legato meno".

Dumoulin ha in seguito ammesso di aver commesso diversi errori ma non si è risparmiato un attacco ai danni di Reichenbach. Sono consapevole che oggi abbiamo fatto qualcosa che entrerà nella storia.

Nell'ultima parte della salita le pendenze si fanno meno insidiose, consentendo quindi ai concorrenti di respirare, ma anche dando spazio agli spunti finali di chi punterà al successo dio giornata e a guadagnare secondi preziosi nella classifica generale. Il 'Pozzo' era talmente in corsa che, non appena Poels, gregario di Froome, ha sbagliato una curva, andandosi a infilare in un vicolo senza uscita, ha proseguito per la propria strada senza cadere nel tranello generato dalla scia. Ripercorrendo le difficolta' iniziali al Giro, il britannico ha ringraziato i suoi compagni di squadra che "hanno avuto grande fiducia in me, mi hanno sempre detto di stare tranquillo che la forma sarebbe arrivata". Che per come sono andate le cose in questa tappa, è grasso che cola.

Comments