Napoli, Mertens: "Juve forte mentalmente, non guarderò più le gare in tv"

Adjust Comment Print

Ma non penso che abbiamo perso il titolo lì. Al 100%, almeno ascoltando le parole di 'Ciro', di continuo e incondizionato amore nei confronti dei colori partenopei e della sua gente che lo ha 'adottato' da tempo. Sarri non era stato ancora licenziato, ma Ancelotti era già il nostro nuovo allenatore. Proprio l'attaccante, trasformato da Sarri in una punta centrale, ha parlato del suo futuro in conferenza stampa dal ritiro della nazionale belga, svelando il primo contatto con Ancelotti: "Mi ha già chiamato, ma non ho parlato molto con lui".

Dries Mertens, attaccante del Napoli, è intervenuto ai microfoni della tv belga in un'intervista proposta da Sky.

"Ancelotti mi ha chiesto se voglio restare, è stato convincente".

Ucciso in Ucraina il giornalista e dissidente russo Arkady Babchenko
Un sospetto in relazione al piano per uccidere Babchenko è stato fermato, ha aggiunto l'Sbu ucraina . Si è presentato così, davanti ai giornalisti convocati tutti in merito alla sua uccisione.

Il Belgio puà vincere il mondiale perchè ha giocatori che hanno vinto tanto a livello europeo e anche io ci sono andato molto vicino.

Bandiera Mertens. Una schiarita, che molti tifosi partenopei si aspettavano arrivasse il prima possibile. "Milik doveva essere pronto per il Mondiale, posso capirlo".

Poi una battuta su Inter-Juve e sulla lotta scudetto: "Abbiamo seguito la partita in hotel e quando l'Inter era in vantaggio eravamo euforici. La settimana di riposo è andata bene, siamo pronti per il Mondiale".

Comments