Ucciso in Ucraina il giornalista e dissidente russo Arkady Babchenko

Adjust Comment Print

Si è presentato così, davanti ai giornalisti convocati tutti in merito alla sua uccisione.

Il giornalista russo in esilio in Ucraina Arkady Babchenko è ancora vivo.

Il giornalista russo Arkady Babchenko, corrispondente di guerra e noto critico del presidente del suo paese Vladimir Putin, è stato trovato morto a Kiev, in Ucraina. La sua morte era stata architettata dai servizi segreti ucraini - e la notizia diffusa ufficialmente da polizia e governo - per arrestare chi voleva ucciderlo, dicono.

Un sospetto in relazione al piano per uccidere Babchenko è stato fermato, ha aggiunto l'Sbu ucraina.

Brigitte Nielsen col pancione a 54 anni
Brigitte Nielsen ha spiazzato tutti i suoi followers di Instagram caricando un foto che ha destato stupore e anche molti sospetti. Al momento Brigitte Nielsen ha deciso però di rimanere in silenzio, senza smentire la polemica ne confermare la gravidanza .

In un post su Facebook, il deputato ucraino Anton Gerashchenko ha raccontato che Babchenko era uscito di casa per comprare del pane.

"Sono state raccolte prove evidenti - ha proseguito Babchenko - e la cosa più importante è che la mia vita è stata salvata e che sono stati sventati altri attentati più gravi, perché si stavano preparando ad azioni gravi".

"Si è trattato di un lavoro da professionisti", ha sottolineato il capo della polizia di Kiev, Andriy Kryshenko, che ha subito collegato l'assassinio di Babchenko all'attività giornalistica e alle sue posizioni molto critiche verso il Cremlino. "Mi hanno detto che c'era un ordine di uccidermi, sono stati pagati i soldi, 40mila dollari, un bel prezzo direi, mi hanno fatto vedere i documenti, il mio passaporto, la foto che c'è solo nel mio passaporto, quando l'ho fatto, e nell'ufficio che li rilascia, ed è stato chiaro che l'informazione arrivava dalla Russia, evidentemente dai servizi speciali".

Comments