Pensioni, 124mila quelle liquidate nel 2017

Adjust Comment Print

Si tratta delle pensioni che riguardano tutto il settore pubblico, scuola inclusa, e che presenta un aumento dell'8,4% rispetto alle pensioni erogate nel 2016. Lo si legge nell'Osservatorio sulle pensioni dei dipendenti pubblici appena pubblicato dall'Inps secondo il quale 64.250 assegni liquidati nel 2017 (il 51,6% del totale) erano pensioni anticipate (quindi basate su 42 anni e 10 mesi di contributi se uomini e 41 e 10 mesi se donne).

L'importo complessivo annuo delle pensioni è di 69.328,8 milioni, con incremento percentuale del 2,6% rispetto all'anno 2017, in cui l'importo risultava di 67.577,3 milioni.

La stazione mobile, fornita di postazioni informatiche e di personale specializzato, ha risposto per la grande maggioranza a domande sulla simulazione della pensione futura e sull'anticipo pensionistico (APE Sociale). Le altre Casse rappresentano complessivamente poco più del 3% del totale degli assegni. Tra le pensioni vigenti, gli assegni erogati per vecchiaia sono appena il 13,4% del totale a fronte del 56,8% erogati per pensioni di anzianità e anticipate. Con riferimento all'importo complessivo annuo, risulta che il 62,1% è a carico della Cassa Stato (1.959,85 euro), il 31,2% a carico della Cpdel (1.539,40 euro) e il rimanente 6,7% è erogato dalle altre casse, con importi che variano da 1.405,48 euro mensili per la Cassa Pensioni Insegnanti ( Cpi) a 4.424,17 euro per la Cassa Pensioni Sanitari ( Cps). Quindi più si andrà avanti e maggiore sarà il rischio che gli italiani siano più penalizzati rispetto ai colleghi europei.

Giornata Mondiale Senza Tabacco Archives
Nelle scuole superiori il 23,4% degli studenti intervistati fa uso di tabacco (era il 20,7% nel 2010) e il 7,6% fuma ogni giorno. Per approfondire il tema dei rischi legati al consumo di tabacco , inoltre, ci si può rivolgere nei centri anti-fumo d'Italia .

Dal 2016 al 2017 sono aumentate le pensioni liquidate e anche gli importi medi mensili erogati. Le regioni che erogano il minor numero di pensioni sono la Valle d'Aosta (0,2%), il Molise (0,6%) e la Basilicata (1%). L'importo medio mensile per le pensioni liquidate nel 2017 è di 2.069 euro mentre quello di tutte le pensioni vigenti dei dipendenti pubblici a inizio 2018 è di 1.862 euro.

L'età media complessiva dei titolari di pensioni di vecchiaia e anzianità/anticipate è di 73,6 anni sia per gli uomini che per le donne; quella dei titolari di pensione di inabilità si discosta di oltre tre anni tra i due sessi (70,8 per gli uomini e 73,9 per le donne); infine l'età media della categoria superstiti è molto differenziata tra i due sessi, essendo pari 71,3 anni per gli uomini e a 78,6 anni per le donne.

Comments