Unicredit e Socgen frenano voci fusione - Ultima Ora

Adjust Comment Print

I manager delle banche, due dei maggiori istituti finanziari europei, sono nelle prime fasi dei colloqui, scrive il quotidiano della City, aggiungendo che le turbolenze politiche italiane potrebbero costituire un freno.

Moto2, Bagnaia: "Competitivi sempre, e soprattutto al Mugello"
Giù anche gli ex-MotoGp Sam Lowes e Hector Barbera , così come Stefano Manzi , caduto alla Luco quando era in zona punti. In campionato Bagnaia è leader con 111 punti davanti a Oliveira con 98 ed a Baldassarri con 84.

UniCredit sta considerando la fusione con la francese Société Générale. La notizia risale a lunedì mattina: Société Générale ha raggiunto, infatti, l'accordo con le autorità statunitensi e francesi, per cercare di porre un freno a quelle che erano le indagini relative ad attività in Libia o brogli sul tasso di interesse. Eppure, negli ultimi mesi, le quotazioni sono state particolarmente penalizzate: la banca ha perso il 13% nelle quotazioni dall'inizio dell'anno, decretando il momentaneo sorpasso di Unicredit. Il sito del Financial Times sostiene infatti che Jean Pierre Mustier, amministratore delegato del gruppo di piazza Gae Aulenti, sia da tempo al lavoro sul dossier. In effetti con un governo Conte composto da Movimento 5 Stelle e Lega difficilmente i due partiti non solleverebbero critiche e perplessità su un'operazione del genere. Se Unicredit è "contendibile", senza quindi una maggioranza di controllo, è chiaro che ad avere più voce in capitolo nel nuovo soggetto sarebbe Societe Generale. Nonostante la presenza di "significativi ostacoli regolatori e politici", gli analisti non escludono che "in futuro" la fusione possa farsi "considerate le significative complementarieta' dei due gruppi" anche se "la creazione di valore in termini di sinergie andra' messa alla prova". "L'operazione è stata oggetto di rumor negli ultimi dieci anni e la passata carriera di Mustier (che ha un passato proprio in Socgen, ndr) la rende anche più credibile", ha messo per iscritto Mediobanca, secondo cui "Mustier sta pensando all'M&A" in quanto "la banca e' lunga di capitale".

Comments