F1, Gp Canada: la Ferrari vince la gara... in fabbrica

Adjust Comment Print

Gran pole, gran vittoria (fa 50) e di nuovo in testa alla classifica del mondiale, dal Canada non poteva pretendere di più. Al secondo posto al traguardo la Mercedes di Bottas, al terzo la Red Bull di Max Verstappen.

Torna a sorridere la Ferrari, torna in pole Sebastian Vettel: il tedesco mette a segno due giri di qualità e si prende una prima piazza ai blocchi di partenza che nella Q3 non era mai realmente sembrata in discussione, anche perché dall'altro lato un Lewis Hamilton non nella sua migliore giornata annaspava nei meandri della seconda fila, e senza l'errore di Raikkonen nell'ultima tornata sarebbe probabilmente partito addirittura dalla quinta posizione. Era dal 2004 con Schumacher che la Ferrari non trionfava a Montreal. C'è subito la Safety Car per un pauroso incidente tra Stroll e Hartley, con il canadese che stringe Hartley tra le barriere in curva 5. Buona l'idea dell'overcut che non gli riesce per un niente, ma con gomme molto più fresche dovrebbe essere una spina nel fianco di Hamilton ed invece sparisce presto dagli specchietti di Lewis. Al settimo e all'ottavo posto la coppia di piloti della Renault Hulkenberg e Sainz e a chiudere la top ten, la Force India di Ocon in nona posizione e Leclerc in decima con la Sauber Alfa Romeo. Il pilota finlandese aveva il motore "vecchio", ma non ci si aspettava una prestazione così sottotono di Raikkonen, specialmente dopo le qualifiche di ieri. L'inglese al rientro in pista ha una indecisione, Ricciardo fiuta la chance e si ferma nello stesso giro rientrando proprio davanti alla Mercedes. Con la nuova power unit credo che abbiamo fatto un bel passo avanti, non gigante, però sono super contento perché vincere qui è sempre speciale. "E' importante prendere tutti i punti possibili, ma oggi era più importante vincere qui per Gilles (Villeneuve), per tutti i ferraristi qui ed anche a casa" ha concluso.

Danni a terreno S.Paolo dopo concerto
In particolare i più bersagliati sono stati Jovanotti , Antonacci, Ramazzotti, Elisa e Sangiorgi. Una lunga notte per Pino Daniele quella dello stadio San Paolo di Napoli ieri sera.

Il direttore del team Ferrari, Maurizio Arrivabene, ha commentato: "Sebastian ha guidato molto bene ma ha avuto un'ottima macchina". I ragazzi da giovedì hanno fatto un gran lavoro e questo è il risultato. "Oggi è mancato un po' kimi ma il campionato è lungo e dobbiamo continuare a lavorare". Ferrari recupera anche nel costruttori: il Cavallino sale a 189 punti, avvicinandosi al leader Mercedes che ha 206 lunghezze. Al termine la classifica di gara recita: Vettel, Bottas, Verstappen, Ricciardo, Hamilton e Raikkonen. Il prossimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno è in programma in Francia tra due settimane sul circuito 'Paul Ricard'.

Comments