Milan, ecco chi è il nuovo socio di Yonghong Li

Adjust Comment Print

L'ingresso del nuovo socio verrà portato anche davanti al "processo" che l'Uefa aprirà il prossimo 19 giugno contro il Milan, non solo per le violazioni al fair play finanziario nei tre anni precedenti all'ingresso della proprietà cinese, ma anche per la mancanza di certezze sulla solidità patrimoniale di mister Li. Ecco perchè il Mister Li è impegnato nella frenetica ricerca di un nuovo socio, in grado di portare soldi freschi e soprattutto restituire un po' di credibilità economica al progetto Milan agli occhi del massimo organo calcistico europeo. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Yonghong Li avrebbe trovato il socio di monoranza necessario per i 32 milioni da versare per l'aumento di capitale. Ma la nuova liquidità servirebbe anche al rimborso dei 303 milioni di euro prestati dal fondo americano Elliott, che in quel caso uscirebbe di scena. A far da intermediario all'intera operazione tra il Milan e questo fantomatico nuovo socio, a capo di un gruppo di imprenditori orientali interessati ad entrare nel pacchetto azionario del club rossonero, ci sarebbe il procuratore Jorge Mendes: in passato già coinvolto nella trattativa che portò Peter Lim a rilevare il Valencia. "Qualche tempo fa due soggetti diversi mi hanno contattato per chiedermi una mano sull'acquisizione del Milan: uno poi si è diretto altrove, in Inghilterra, l'altro penso sia sempre interessato". Dopo il lavoro di Marco Fassone, che aveva dato l'incarico ad alcuni istituti di sondare la disponibilità di eventuali investitori, il nome che sta circolando con maggiore insistenza sarebbe quello di John Fisher.

Real Madrid, scelto il nuovo tecnico: panchina a Julen Lopetegui
Nei giorni scorsi era spuntata la candidatura di Antonio Conte (in uscita dal Chelsea, ma ancora non si è arrivati al divorzio). Cristiano Ronaldo e compagni non temono però le Furie Rosse come ha svelato Joao Mario: "Il nostro team è ben preparato".

Se l'intento è chiaro, il nome del potenziale nuovo socio rimane avvolto nell'ombra. Al Milan sono pessimisti sul primo round all'Uefa e puntano le loro carte sul Tas di Losanna, dove una seconda udienza è prevista per la fine del mese, con una deiciosne che potrebbe essere ribaltatata in favore di una sanzione e limitazioni di mercato.

Comments