Aquarius, Salvini: "Rifarei quel che ho fatto nei giorni scorsi"

Adjust Comment Print

A tutti i migranti a bordo "sono stati forniti giubbotti salvagente", ha sottolineato la ong tedesca, che ha poi spiegato di aver aiutato il trasferimento dei rifugiati sulla nave cargo Viking Amber diretta al porto di Misurata. Alla vigilia dell'approdo a Valencia della nave con oltre 600 migranti a bordo, il ministro dell'Interno Matteo Salvini non cambia registro e annuncia lo stesso trattamento per altre due imbarcazioni di organizzazioni non governative che non battono bandiera italiana: porti chiusi. "Sappiano questi signori che l'Italia non vuole più essere complice del business dell'immigrazione clandestina, quindi dovranno cercarsi altri porti (non italiani) dove dirigersi".

"E chiude" Da ministro e da papà, possono attaccarmi e minacciarmi quanto vogliono, ma io non mollo e lo faccio per il bene di tutti".

Aquarius, Salvini: "Andrà in Spagna. Non possono decidere dove finire la crociera"
E poi i numeri dell'accoglienza, gli "undici migranti su 100 che hanno diritto di rimanere" e "il business dei ricorsi".

Una replica ironica arriva dalla ong Lifeline, via Twitter.

"Quando i fascisti ci fanno pubblicità". Questo governo - ha aggiunto Salvini - non lascerà che siano associazioni private finanziate da non si sa chi a gestire l'ordine pubblico in Italia. "Il mare è finalmente calmo - racconta da bordo Alessandro Porro - e le persone a bordo si stanno risvegliando". "In questi giorni - aggiunge Porro - abbiamo navigato accanto a Sicilia, Sardegna, Corsica e ora le Isole Baleari". Se il figlio non avesse accoltellato una due tre quattro cinque sei volte una persona che sta facendo il suo lavoro oggi sarebbe vivo e vegeto su questa terra.

Comments