McDonald's, da settembre stop a cannucce di plastica nel Regno Unito

Adjust Comment Print

Nei prossimi mesi, queste verranno sostituite con quelle di carta, maggiormente biodegradabili.

"I nostri clienti ci hanno detto che vorrebbero vedere la sostituzione delle cannucce" spiega McDonald's, come riferisce al BBC. La multinazionale americana leader nel settore dei fast food, infatti, ha iniziato a sperimentare l'uso delle cannuncce di carta già dall'inizio dell'anno. Proprio un'ex-colonia di Londra, il Kenya, ha colto l'occasione per sottolineare che nessuno ha una legge radicale come la sua: 4 anni di prigione o 40 mila dollari di multa per chiunque produca, venda o usi sacchetti di plastica. "Se le amministrazioni comunali non hanno più incentivi a raccogliere i rifiuti di plastica perché non sanno a chi venderli, potrebbero smettere la raccolta e sarebbe il caos", osserva Simon Ellin, presidente della Uk Recycling Association.

Già da tempo rivenditori, bar e ristoranti avevano però cominciato a ridurre l'uso della plastica. Il gigante americano dei fast-food lo ha annunciato a seguito delle pressioni di gruppi di ambientalisti e degli stessi clienti. La carta delle nuove cannucce proverrà da foreste certificate per lo sfruttamento sostenibile. Soddisfatto il ministro britannico per l'ambiente Michael Gove che ha definito la misura "un ottimo esempio per altre grandi catene" e "un contributo significativo" per ridurre l'inquinamento. Il mese scorso anche 60 festival musicali di tutta l'Inghilterra si sono impegnati a mettere al bando cannucce, bottiglie, bicchieri e piatti di plastica entro il 2021, nel quadro di un programma denominato "Drastic on Plastic".

Playoff Serie B: il Palermo mette mezzo piede in serie A
Su calcio d'angolo di Coronado, La Gumina fa velo e Terranova la mette nella propria porta nel tentativo di respingere il pallone. Il tiro di tiro di Trajkovski viene murato da Audero, ma la sfera rimbalza sfortunatamente sul difensore e finisce in rete.

Ma anche le tradizioni più radicate di Wimbledon sono destinate a essere messe in discussione, soprattutto quando vengono superate dal comune sentire o cozzano visibilmente contro il buon senso. Il Regno Unito era uno dei maggiori esportatori occidentali verso Pechino, a cui vendeva due terzi dei suoi scarti di plastica, per un totale di 2 milioni e 700 mila tonnellate dal 2012 a oggi, secondo un rapporto dell'organizzazione ecologista Greenpeace. Nella scorsa edizione ne sono state consumate 400 mila e nel 2018 gli organizzatori hanno deciso di dire basta, usando come alternativa cannucce di carta riciclabile.

Da quest'anno il Pimm's, il caratteristico cocktail inglese, sarà servito senza la consueta cannuccia di plastica.

Comments