La FIFA apre un'inchiesta su Xhaka e Shaqiri

Adjust Comment Print

Dopo i loro gol hanno entrambi festeggiato mimando con le mani l'aquila bicipite, un gesto diffuso tra i nazionalisti albanesi che imita il simbolo nazionale albanese. Quella fra Kosovo e Serbia è una questione ancora aperta e le esultanze di Shaqiri e Xhaka l'hanno prepotentemente spinta nel Mondiale di Russia. Poi la Svizzera ha ribaltato il risultato con merito, grazie a una ripresa in cui è stata nettamente più incisiva, visto anche l'evidente calo della Serbia, a cui è stato negato un più che probabile rigore su Mitrovic.

Nella Svizzera c'è un terzo giocatore di origini kosovare: Valon Behrami, che ha le bandiere della Svizzera e del Kosovo tatuate sul braccio sinistro.

Svezia, spari nel centro di Malmo
Le autorità per smentiscono la pista terrorismo anche se al momento gli inquirenti preferiscono non escludere nessuna ipotesi. L'aggressore, secondo quanto riferito da alcuni testimoni, avrebbe usato un'arma semiautomatica .

Shaqiri oltretutto non è nuovo a gesti discutibili come questo. La Svizzera ha invece saputo contenere la furia del Brasile, pareggiando per 1 a 1. "Siamo dieci anni avanti a chi festeggia in quel modo".

È caos dopo le due reti che hanno permesso alla Svizzera di rimontare lo svantaggio e di vincere contro la Serbia.

Comments