Papa a Macron, ruolo governi è aiuto ai poveri

Adjust Comment Print

È il sovrano liberal, creato in vitro dall'élite finanziaria, che dà la carezza al Pontefice.

"Nessuno può dire che la Francia è egoista", ha aggiunto sottolineando che il suo Paese è da inizio anno il secondo in Europa per domande d'asilo. "È la prima volta che vedo accarezzare il Papa, non commento".

Certo è che Parigi e il Vaticano sono tornati a parlarsi. "E' stato molto in Africa", ha detto il Papa a Macron a proposito del prelato. "Emmanuel Macron è un interlocutore importante nella sostanza, perché i fautori del multilateralismo sono sempre di meno e il presidente francese è uno di loro" prosegue Marchand. E l'ho fatto, senza che lui battesse ciglio, abituato com'è a queste manifestazioni di affetto. Ogni ulteriore diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti.

Uomini e Donne, Sara Affi replica alle critiche dei fan
Dopo tante voci e ipotesi, Sara Affi Fella ammette la crisi con Luigi Mastroianni . ", ha fatto sapere Luigi ". E poi svela fino in fondo la sua visione della cosa: " La verità è che a lei di me non importava nulla ".

Sicuramente siamo di fronte a una mossa insolita, soprattutto per un Presidente francese che fa della laicità il suo vessillo e dell'aborto (aiutare chi non vuole abortire è diventato "reato di intralcio all'aborto") una bandiera. "Sono state quindi affrontate - riferisce la Santa Sede - questioni globali di interesse condiviso, quali la protezione dell'ambiente, le migrazioni e l'impegno a livello multilaterale per la prevenzione e la risoluzione dei conflitti, specialmente in relazione al disarmo". Presidente di un Paese profondamente laico, Macron, che oggi si presenta come agnostico, studiò per lungo tempo dai gesuiti ad Amiens e chiese di essere battezzato, "per scelta personale", all'età di 12 anni.

Poco dopo, dunque, Macron si è sentito autorizzato a compiere lo stesso gesto.

Comments