Samsung e Apple, è pace sui brevetti

Adjust Comment Print

Dopo 7 anni forse non ha più senso discutere su chi abbia inventato cosa: la Apple che credeva che non ci sarebbe mai stato uno smartphone di successo più grande di 4 pollici non ha più interesse a limitare l'azienda che ha cavalcato gran parte delle novità dei primi iPhone, ed in questo intreccio di destini il fattore legale è diventato un orpello da mettere da parte. Apple e Samsung hanno trovato un accordo anche se non hanno rivelato i termini. Ma poi le cose sono andate avanti ulteriormente e una serie di ricorsi ha spinto la controversia alla Corte Suprema e di nuovo indietro, poiché le aziende hanno continuato a ridiscutere quali brevetti fossero stati violati e, più recentemente, esattamente quanto Samsung dovesse ad Apple a causa dell'infrazione.

Samsung e Apple hanno posto una pietra tombale sulla vertenza che le vedeva reciprocamente contrapposte nell'ambito di una vertenza incentrata sulla proprietà intellettuale e che durava ormai da tanti anni. Un qualcosa di celebre e risaputo, che dal 2011 si sente ripetere più e più volte per via delle numerose decisioni dei tribunali. La guerra dei brevetti è divenuta, ben presto, oggetto di natura legale. Non è certamente finita lì, dal momento che il caso è rimbalzato di tribunale in tribunale. A maggio, una giuria statunitense aveva riconosciuto al gruppo di Cupertino un risarcimento di 539 milioni di dollari per la violazione dei brevetti. Il pagamento della multa era poca cosa per il colosso coreano: tuttavia, la linea di principio che avrebbe fatto ammettere alla Samsung di aver copiato, una volta pagata la multa, frenava quel pagamento stesso.

Calciomercato Roma, rinnovo Florenzi più vicino: le ultime
L'Inter invece, secondo il Corriere dello Sport , offrirebbe un quinquennale alle cifre richieste dal giocatore, che a Milano ritroverebbe Luciano Spalletti .

La guerra fra Apple e Samsung va avanti da anni per la conquista del mercato mondiale degli smartphone di cui le due compagnie insieme controllano il 35%. Al centro del contenzioso, l'accusa di Apple nei confronti di Samsung di aver copiato caratteristiche fondamentali dell'iPhone per produrre i suoi smartphone (a cui erano seguite contro-accuse da parte della multinazionale coreana). Samsung, invece, sfrutta Android su suoi smarphone e punta, anche per questo, molto meno sui servizi. Non si sa, quindi, per qualche motivo lo scontro sia terminato.

Comments