Fca nel mirino di Hyundai, media asiatici: "Imminente la scalata al gruppo"

Adjust Comment Print

Hyundai nega tutto. E dice ai mercati che le indiscrezioni trapelate in mattinata relative ad un suo interesse per Fca sono senza fondamento.

Il titolo Fiat Chrysler Automobile vola a Piazza Affari dopo le voci di un'offerta che la sudcoreana Hyundai sarebbe pronta a lanciare durante l'estate e comunque prima dell'assemblea degli azionisti di maggio 2019, quando Sergio Marchionne lascerà le redini del gruppo automobilistico italo-americano.

Meteo, in arrivo caldo africano
Le temperature massime nelle ore diurne potranno raggiungere i 34-38°c, mentre nelle ore notturne si aggireranno sui 17-20°c. Il nord sarà invece interessato più marginalmente con temperature nella media del periodo o leggermente al di sopra di essa.

A spingere per la fusione tra i due gruppi ci sarebbe, secondo la ricostruzione, il fondo Elliott di Paul Singer, che sul gruppo Hyundai ha investito un miliardo di dollari.

In ogni caso "l'articolo era molto generico e parlava di attese di calo del prezzo di Borsa di Fca prima di lanciare un'Opa". Non solo qualche mese fa Marchionne aveva detto che con Hyundai si puntava a una intesa per le tecnologie dell'idrogeno, ma soprattutto Hyundai Motor Company (che controlla anche Kia), fa parte di un megagruppo multisettoriale che ha accesso facilitato a materie prime come l'acciaio grazie alla controllata Hyundai Steel, vera major dell'acciaio. Con un occhio, vigile, sull'occupazione soprattutto del Belpaese, ovviamente.

Comments