Verstappen vince a casa Red Bull. Disastro Mercedes

Adjust Comment Print

Quello d'Austria è stato un gran premio che ha stravolto la classifica mondiale ed è stato vinto da Max Verstappen. Il finlandese della Freccia d'Argento non usa mezzi termini: "Ho più fame di tutti gli altri e, quindi, voglio vincere". "Una domenica fantastica", esulta il pilota olandese, seguito a Spielberg da migliaia di tifosi in maglietta arancione. Adesso Sebastian Vettel, dopo la sofferenza in Francia, torna in testa alla classifica: 146 punti per lui, 145 per Hamilton. Nella guerra tra Mercedes e Ferrari la spunta...

Dalla pole position al ritiro: si chiude nel peggiore dei modi il GP di Austria 2018 per Valtteri Bottas. Cinque giri alla fine: Raikkonen a 2 secondi da Verstappen lo andava a prendere, Vettel lo inseguiva, Hamilton rientrava ai box senza neppure togliersi il casco, 4° e 5° posizione per la Haas, poi Perez, Ocon, Alonso, Ericsson e Leclerc. La Ferrari fa 2° e 3° posto in Austria e vola in testa a entrambi i mondiali.

Nessuno avrebbe mai potuto immaginare un doppio ritiro della scuderia campione del mondo iridata, da 4 anni consecutivi, che ha fatto dell'affidabilità il proprio marchio distintivo.

Hamilton compie il suo pit stop al giro 27 e torna in pista in quarta posizione, davanti a Vettel, seperato di pochi secondi ma non abbastanza per attivare il DRS della SF71H. Successo di Verstappen, secondo invece un ottimo Raikkonen. Prima Raikkonen supera Ricciardo, dietro Vettel opera un sorpasso "durissimo" su Hamilton e sale al terzo posto. Il pilota della Mercedes si è fermato al 14esimo giro della gara del Red Bull Ring, quando era in seconda posizione. Bene questa Ferrari, dopo un inizio sottotono.

I suoi team-radio sono stati il sogno di tutti gli ingegneri: "Max, tutti hanno problemi di blister, come va?".

Dalla Spagna - Real Madrid su Suso
Sarebbe stato proprio quest'ultimo, agente del calciatore, ad offrirlo. Quando era c.t. lo ha voluto anche nella Nazionale maggiore.

Col ritiro anche di Hamilton, la gara diventava una questione fra Vertsappen e il djo Ferrari Raikkonen-Vettel. L'australiano si ritira. Al 64° giro il secondo colpo di scena. I colpi di scena non sono mica finiti qui perché al giro numero 64 Hamilton, al pari del compagno, perde potenza fermandosi in Curva 3.

E se la tenuta imperfetta della Mercedes è una sorta di novità, purtroppo è un ripetersi quest'anno l'errore al muretto, la chiamata sbagliata sotto VSC.

"Grande gara d'attacco, lasciate guidare Raikkonen". I due piazzamenti a podio per la Ferrari e per Vettel sono un miracolo. Completano la top ten le Haas di Romain Grosjean e Kevin Magnussen, rispettivamente quinto e ottavo.

Il doppio podio delle Ferrari, con il doppio flop delle Mercedes, ribalta entrambe le classifiche del Mondiale.

Comments