Ferrari: Arrivabene soddisfatto del’affidabilità raggiunta dai motori in Austria

Adjust Comment Print

Red Bull tagliata fuori dai giochi, se non ci dovessero essere variazioni meteorologiche.

La fortuna aiuta gli audaci e la Ferrari, in Austria, ha dimostrato di possedere entrambe le caratteristiche: il doppio ritiro della Mercedes, infatti, ha permesso al Cavallino di tornare in testa al mondiale costruttori - dove guida con 10 punti di vantaggio sulle Frecce d'argento - e a Vettel di riprendersi la vetta con un solo punto di vantaggio sul grande rivale Lewis Hamilton. Due ottimi motivi per essere veramente soddisfatti nonostante la vittoria al Red Bull Ring sia finita nelle mani di Max Verstappen.

Non si è conclusa nel miglior modo la gara di oggi per le Ferrari, perché si sa l'obiettivo è sempre quello di salire sul gradino più alto del podio. Non nasconde la soddisfazione e si toglie qualche sassolino dalle scarpe il team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene, dopo il secondo e terzo posto delle Rosse nel Gp d'Austria: "Sei motori Ferrari nei primi dieci (con il quarto e quinto posto delle Haas, il sesto e settimo delle Force India, l'ottavo di Alonso con la McLaren, il nono di Leclerc su Sauber Ferrari e il decimo di Ericsson su Sauber, ndr), è una cosa molto importante". Una prova di concretezza e di affidabilità della Ferrari e dei motori Ferrari.

Salvini a Pontida: "Porti chiusi ai migranti"
E poi l'elogio della famiglia tradizionale e il no all'utero in affitto: "Non siamo qui per portare via diritti a nessuno. Centinaia di sostenitori si sono già dati appuntamento ieri sera, molti con camper e tende per passare la notte.

Quando si grida troppo, in Formula 1, bisogna stare attenti perché si viene smentiti. Puoi portare un pacchetto interessante con tante novità ma magari scalda troppo e ti fermi a destra - ha dichiarato ai microfoni di Sky lanciando una frecciata neanche troppo indiretta ai rivali della Mercedes -. Adesso c'è Silverstone, una gara dove l'aerodinamica sarà importante, si tratta di una gara difficile e dobbiamo rimanere concentrati. Infine sulle questioni di mercato da Kimi Raikkonen a Charles Leclerc per un possibile avvicendamento: "Lasciamoli guidare in pace".

Arrivabene ha detto: "Abbiamo deciso di non cambiare posizione tra Kimi e Sebastian". La decisione era di lasciarli andare perché Raikkonen ha lottato tutta la corsa e lo ha fatto anche Vettel.

Comments