Carlotta Mantovan la vedova di Frizzi, in Rai? Ecco cosa farà

Adjust Comment Print

A raccontarlo, ricordando l'amico Frizzi scomparso a marzo, è Carlo Conti, nel pieno della presentazione romana dei programmi Rai per l'autunno. "Fabrizio è l'emblema di quello che è la Rai ogni volta che passeremo in questi studi - ha detto la Maggioni - che ora prendono il suo nome". Sono otto le parole chiave su cui si muove la programmazione autunnale della Rai, come spiega Orfeo: bellezza, partecipazione, libertà, verità, scoperta, sogno, fantasia e passione. Al suo posto a L'Eredità vedremo Flavio Insinna, che dovrà saper gestire un fardello pesante, consapevole che non sarà facile sostituire un personaggio tanto amato. Conti in premessa aveva sottolineato che il video, dal quale si capisce fra l'altro che sul set vi erano i figli dei due protagonisti, "evidenzia quattro cose importanti: l'attaccamento alla famiglia perché siamo con i figli, l'attaccamento al lavoro perché stiamo lavorando, l'amicizia e la solarità". Una piccola testimonianza, in presa diretta, del carattere di Frizzi che Conti ha voluto fosse tirata fuori dagli archivi per l'occasione. Mistero ancora sul numero di puntate, ma le risate sono assicurate.

Un parterre di star più scarno rispetto agli anni passati.

Juventus ancora con il turbo in scia all'affaire CR7
Anche per questo motivo, la Consob (la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), ha deciso di chiedere dei chiarimenti al club bianconero, chiarimenti che sono puntualmente arrivati nella giornata di venerdì.

Gli studi Rai della Dear hanno ospitato tantissimi programmi di successo. E poi ancora Renzo Arbore, Piero Angela, Bianca Berlinguer, Salvo Sottile, Massimiliano Ossini, Serena Dandini, Pino Strabioli, Duilio Giammaria, Giovanni Ciacci, Daniela Ferolla, Roberta Morise, Carolina Crescentini. In prima linea, per rendere reale questa ipotesi, si è messa Milly Carlucci: la conduttrice di Ballando con le Stelle ha, fin da subito, espresso il desiderio di voler inglobare nei progetti Rai Carlotta Mantovan.

Comments