Capolavoro di Vettel e la Ferrari a Silverstone. Secondo Hamilton, terzo Raikkonen

Adjust Comment Print

Ma il successo di oggi ha un sapore speciale perché oltre a giungere nella tana del rivale, porta con sé altri due motivi: ha permesso a Vettel di eguagliare Alain Prost a 51 trionfi in carriera e, inoltre, di allungare in classifica, consolidando la propria leadership. Ho spinto come un pazzo, non è stato semplice trovare un modo per passarlo ma credo di averlo sorpreso.

Silverstone ci ha offerto una gara emozionante e con molti episodi spettacolari.

"Ho avuto un bloccaggio e ho finito per colpire Lewis Hamilton". La penalità? L'errore alla fine è stato mio e quindi va bene così, me la meritavo. Non una scelta saggia, considerando che Bottas non riesce a tenere Vettel ed Hamilton non arriva mai a tiro del tedesco, dopo aver scavalcato con Kimi la Mercedes del compagno di squadra. Raikkonen risale al terzo posto con 116 punti. Nonostante la penalizzazione (10 secondi) per la manovra di inizio gara, il pilota della Ferrari si va a prendere il podio vincendo il duello sia con Verstappen che con Bottas.

QUI A CASA LORO - Si ferma e riparte anche Kimi, non le Mercedes. Ma, tralasciando i ricorsi storici, quella della Ferrari è stata una vittoria importante per due motivi: l'allungo in graduatoria e il messaggio mandato alle Frecce d'argento che il mondiale se lo dovranno sudare. "Ho sbagliato, sono cose che succedono nelle corse". "Come guida è stato il mio migliore gp dell'anno, c'era tantissima pressione".

Ancelotti e De Laurentiis, giorno a Capri
Prima ancora di iniziare il lavoro, a mercato appena iniziato, ha detto chiaramente che l'obiettivo stagionale è lo scudetto. Una regione del Nord Italia che già da 8 anni è teatro della fase di preparazione della Società Sportiva Calcio Napoli .

La Ferrari espugna il feudo di Lewis Hamilton e allunga a 8 punti il suo vantaggio in testa al mondiale: a Silverstone, Sebastian Vettel con una grande gara si è assicurato il Gran Premio di Gran Bretagna (gli era riuscito solo nel 2009) e ha preceduto sul traguardo il campione del mondo britannico della Mercedes, che sperava di centrare il quinto trionfo consecutivo in casa.

Scintille Mercedes-Ferrari. "Se veramente ha detto una cosa del genere, dovrebbe vergognarsi", Maurizio Arrivabene, team principal della Ferrari, risponde a muso duro alla Mercedes.

Ha deciso di accettare le scuse del collega della Ferrari, e lo ha fatto sapere tramite una Instagram story, ovvero un post ancora leggibile sul suo profilo ufficiale del social network. Situazione che rassicura ulteriormente il team di Maranello che dovrà affrontare una gara dura anche dal punto di vista delle alte temperature previste (oltre 29°, un'eccezione per l'Inghilterra).

Comments