Brasile, la delusione di Neymar: "È dura pensare di tornare a giocare"

Adjust Comment Print

Non è successo niente di tutto questo, e il Belgio ha messo a nudo le fragilità difensive della Seleçao liberando da compiti difensivi Hazard e De Bruyne, e cambiando modo di giocare: il risultato è stato il 2-1 propiziato dall'autorete di Fernandinho e dalla rete dello stesso De Bruyne, che ha eliminato il Brasile di Neymar nonostante l'assedio finale che ha portato al gol di Renato Augusto e a svariate occasioni sventate da Courtois.

Il quotidiano Il Mattino riserva spazio in prima pagina anche al Mondiale, col Brasile che saluta la Russia dopo il ko di ieri contro il Belgio.

Brexit: stop di May a critiche, ministri ora rischiano posto
"Sì" al cosiddetto accordo doganale facilitato da parte del governo britannico impegnato nelle trattative con l'Ue sulla Brexit . Il piano preciso e dettagliato sarà reso noto ufficialmente la prossima settimana.

Il giorno dopo fa ancora più male, la delusione si è sedimentata ma è troppo presto per riuscire a spazzarla via.

Nell'occhio della critica è finito ovviamente il numero 10 della squadra, Neymar, che ha affidato ad un messaggio su Facebook tutta la sua delusione: "Posso dire che è il momento più triste della mia carriera, il dolore è molto grande perchè sapevamo di poter arrivare in fondo, per fare la storia, ma non era questa la volta". Adesso è difficile trovare la forza per continuare a giocare a calcio ma sono sicuro che Dio mi darà la forza necessaria per far fronte a qualsiasi cosa. Se a trionfare in questa Coppa del Mondo non sarà la squadra di Deschamps assisteremo al sesto trionfo di un Paese diverso nelle ultime sei edizioni: quanto mai Mondiali senza padroni. "Hanno interrotto il nostro sogno ma non ce lo toglieranno dalla testa e neanche dal nostro cuore".

Comments