Nave italiana soccorre 66 migranti, il Viminale: "no attracco"

Adjust Comment Print

I migranti sono poi stati trasferiti sulla nave Diciotti, della Guardia costiera italiana, cosa che ha scatenato l'ira del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, secondo cui avrebbe dovuto intervenire la Guardia costiera libica. Già a metà giugno era stata protagonista di un salvataggio di migranti poi affidati alla nave militare italiana Diciotti. Tra i paesi che finora hanno accolto più migranti vi sono anche Svizzera (921), Norvegia (816) e Finlandia (779). "Qua si schiatta - ha detto il leader della Lega - non so come si faccia a vivere qui dentro". L'imbarcazione militare ha preso a bordo 67 migranti dopo che questi avevano minacciato la Vos Thalassa, altra nave italiana che li aveva soccorsi al largo della Libia. "Ora avanti con indagini per punire i facinorosi".

"Meno partenze significa meno morti in mare".

Questa è la posizione inedita del ministro dell'Interno Matteo Salvini che ieri sera ha aperto un nuovo caso negando l'approdo alla nave commerciale che svolge servizio di sorveglianza della piattaforma petrolifera Farwah. Così il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli su Twitter. Una decisione che sembrava preludere ad un arrivo in Italia dei migranti. La missiva si conclude con la specifica che: "La protezione umanitaria ha consentito di affermare in maniera chiara che vi sono diritti che l'Italia riconosce a tutte le persone, indipendentemente dal sesso, dalla razza, dalla lingua, dalla religione, dal credo politico".

Brexit, scontro nel governo May per un'uscita "soft": si dimette un ministro
Il Primo ministro ringrazia Johnson per il suo lavoro", ha annunciato in una nota l'ufficio di Theresa May . Ieri ha dato le dimissioni il Ministro per la Brexit David Davis .

"Il ministro degli Interni intende infatti chiudere i porti italiani non solo alle Ong, ma anche alle missioni internazionali (e sopratutto europee):" la navi delle missioni internazionali (Themis, Triton, Sophia) non devono arrivare tutte in Italia". Nelle stesse premesse della circolare si legge che sul tema è' stata prodotta una copiosa giurisprudenza che ha riconosciuto il fondamento di situazioni meritevoli di godere della tutela umanitaria.

A dare il benvenuto ai profughi della Beckett, sul molo di Messina c'erano centinaia di persone con le magliette rosse per l'iniziativa di Libera a favore dell'accoglienza e per un'Italia 'aperta'. E' la prima volta che una nave italiana viene respinta dal nostro governo.

Comments