Chelsea, Sarri è lo Special Fun: le prime pagine dei quotidiani inglesi

Adjust Comment Print

E ancora: "Non voglio dire niente di sbagliato - spiega rivolgendosi ai cronisti -, quindi risponderò alle vostre domande in italiano". Non stavo pianificando nulla perché avevo una situazione da risolvere con il Napoli che si è risolta solo alcuni giorni fa. Il Chelsea è una grande squadra, il problema è che in Inghilterra ci sono altri 4-5 grandi squadre. È un periodo post Mondiale, dovremo aspettare: "vanno lasciate tutte le cose buone che ha fatto Conte, non vanno assolutamente disperse, ma è anche vero che nel calcio attuale i tempi sono sempre più questi, nell'abilità dell'allenatore risulta sempre più importante saper imporre la propria filosofia di calcio in tempi minori rispetto a quelli a cui eravamo abituati". Non ho sentito nessuno, preferisco vivere la mia esperienza.

Ho un ricordo stupendo di Napoli, un popolo che amo e amerò sempre in maniera viscerale. "De Laurentiis può aver interpretato male i miei silenzi, ma io avevo solo il cuore straziato per il lasciare la squadra". "Ma la mia idea di calcio è diversa e avrà bisogno di tempo per diventare concreta". Nono so quanto ci metterò, magari tre mesi come a Empoli, magari meno come a Napoli.

Fedez replica contrariato al tweet di Costantino della Gherardesca
Il cantante ovviamente non ha gradito la "battuta" e non ha aspettato per rispondere a tono, sullo stesso social al conduttore di nobili origini.

Se Mourinho, all'epoca del Chelsea, si era definito "Special One", Sarri opta per il profilo basso: "Vorrei che mi chiamaste semplicemente Maurizio". Guardiola? Anche lui ha incontrato difficoltà il primo anno, ma fare cento punti in Premier non è cosa da tutti, anzi, è un'impresa straordinaria, irripetibile. Anche io voglio divertirmi, la migliore cosa che si possa fare nella vita è lavorare divertendosi. Il mio stile di gioco è molto simile a quello che si pratica in Premier League, potrebbe essere un vantaggio in più. "Sono errori fatti in un momento di rabbia con una parola di troppo. In questo momento è il miglior campionato al mondo".

Mercato? Non mi piace parlarne. Spero di poterlo dimostrare fintanto che vivrò e lavorerò a Londra. Le scuse servono a poco dopo gli errori, mentre conta avere un comportamento professionale. Spero che il mio rapporto col Presidente sia rispettato.

Comments