Elkann: Marchionne leader illuminato, ha sempre fatto la differenza

Adjust Comment Print

Quest'oggi sono stati convocati d'urgenza i cda del gruppo Ferrari, FCA e CNH Industrial per esaminare il nodo della successione all'amministratore delegato Sergio Marchionne, a causa del prolungarsi della degenza per l'intervento chirurgico subito alla spalla destra la settimana scorsa. Comincia anche il rapporto professionale con Fiat e di fiducia in particolare con Umberto Agnelli che l'anno successivo lo vuole nel consiglio di amministrazione di Fiat. Più prosaicamente, gravi problemi di salute. Situazioni umane insondabili che impongono il massimo rispetto. Da qui la convocazione rapidissima dei consigli d'amministrazione per la successione. Il Cda ha minato Mike Manley nuovo a.d. di FCA.

Manley è l'uomo del miracolo Jeep, da 300 mila a 1,4 milioni di auto vendute in dieci anni. Manley è stato scelto fra una rosa che comprendeva Alfonso Altavilla, capo delle operazioni in Sud Europa, e Pietro Gorlier, capo di Magneti Marelli.

"Non potrà tornare a lavorare", aveva scritto in una nota il presidente John Elkann dicendo di provare un "senso di profonda ingiustizia" per l'evolversi dello scenario medico, definito "imprevedibile fino a poche ore fa". In un meeting fissato per i prossimi giorni, invece, agli azionisti verrà proposto il nome di Louis Carey Camilleri per la poltrona di amministratore delegato. Philip Morris appunto, marchio legato a doppio filo alle vicende della Ferrari, non solo come sponsor principale della squadra, e, in qualche modo, della famiglia Agnelli. Infatti alla guida del cavallino rampante arriverebbe Louis Camilleri, di cui è già membro del board, mentre alla presidenza arriverebbe John Elkann.

Fca, chiusa l'era Marchionne.
Marchionne come sta, di cosa è malato? «Le sue condizioni sono peggiorate»:...

Il compito che aspetta Manley e Camilleri è titanico. Secondo quanto riferito da un portavoce Fca al sito Lettera 43 il 5 luglio, Marchionne avrebbe bisogno di un "breve periodo di convalescenza". E se Ferrari è ormai un gioiello apprezzato dagli investitori di tutto il mondo (dalla quotazione avvenuta nel 2016 il valore del titolo si è triplicato), i compiti che aspettano Manley sono molto più impegnativi.

Finisce dopo 14 anni l'era Marchionne nel gruppo Fiat. Negli anni della guerra la famiglia materna fu colpita da due tragici lutti, causati dal clima di scontro etnico tra italiani e slavi che da decenni aveva avvelenato quella regione di confine. La scommessa negli Usa sembra praticamente vinta.

"Care colleghe, cari colleghi, questa è senza dubbio la lettera più difficile che abbia mai scritto". "Credo che questo sia l'atteggiamento di cui ha bisogno l'Italia di oggi". Sergio Marchionne lotta tra la vita e la morte, tanto da spingere le sue aziende a trovare immediatamente un sostituto.

Avellino non ammesso alla B
Cosa ho valutato della partita? I carichi di lavoro erano evidenti, i miei giocatori pensavano di più a non farsi male. Giocatore che ha giocato in serie A con la maglia del Lecce e del Torino con una continuità di presenze interessante.

Comments