Parigi, si è tolta la vita Oksana Chatchko, cofondatrice delle Femen

Adjust Comment Print

La Shachko aveva già tentato il suicidio per ben due volte negli ultimi due anni, così ha riferito una conoscente.

L'attivista ucraina Oksana Chatchko, trentunenne cofondatrice ed ex componente del gruppo Femen, è stata trovata morta nel suo appartamento, a Parigi. "Non conosciamo ancora la data esatta della morte, che sarà stabilita dagli esami", ha aggiunto Shevchenko, precisando che "l'ultima volta che Oksana è stata vista in vita è stato venerdi'". Secondo le prime notizie riportate dai media, si tratterebbe di un suicidio. L'associazione era stata ufficialmente riconosciuta dal governo francese.

Shachko, artista di origine ucraina, è stata una delle leader del movimento, nato nel 2008. Un movimento che si è allargato negli anni ad altri Paesi, ampliando il raggio delle proteste.

Giffoni 2018, il programma della prima giornata del Festival
Avevo il timore di non riuscire ad essere credibile. "Poi però ho incrociato una chiave daccesso al personaggio ed è andata bene". E mi è venuto semplice perché l'amore non ha differenze legate alla determinazione sessuale".

Da anni si batteva per i diritti delle donne, ma di tante battaglie non è riuscita a vincere quella più dura e importante: quella per se stessa. La Bbc in versione ucraina, citando l'attivista del movimento femminista di protesta Inna Shevchenko, ha confermato che la 31enne si è tolta la vita. È nei suoi dipinti attraverso i quali manifesta il suo talento artistico.

Oksana Shachko era "una delle donne più straordinarie del nostro tempo. Lei è nella storia del femminismo", ha proseguito.

Comments