L'atleta italiana Daisy Osakue colpita da un uovo. Non è razzismo

Adjust Comment Print

Si tratta di un'atleta nazionale italiana di atletica, naturalizzata dal Sudafrica.

"Non dovrò operarmi all'occhio".

Critiche ai ministri anche da parte di Matteo Renzi, che ha definito gli aggressori degli "schifosi razzisti" e ha commentato: "Gli attacchi contro persone di un diverso colore della pelle sono una EMERGENZA. Andrò a Berlino", ha assicurato Osakue a La Stampa e Sky TG24. "Sì secondo me sì", ha risposto l'atleta interpellata sull'ipotesi che la sua sia stata una aggressione xenofoba. Compresa, appunto, l'aggressione a sfondo razziale.

Episodi a cui purtroppo va aggiunta l'aggressione avvenuta la notte scorsa a Moncalieri, quando Daisy è stata colpita al volto da uova lanciate da un'auto in corsa mentre stava attraversando la strada da sola.

"Temptation Island" e la strategia dei reality per attirare pubblico giovane
Intanto, la ragazza continua ad esprimere le proprie considerazioni personali su Instagram . Si tratta di Martina e Gianpaolo .

"Sisport si stringe a Daisy e alla sua famiglia dopo il gravissimo episodio di violenza che l'ha coinvolta la scorsa notte", scrive sulla pagina Facebook la società sportiva di Torino. "Parto comunque con la squadra, gareggio giovedì", dice la giovane lanciatrice del disco. È a rischio la sua partecipazione agli europei di Berlino.

Daisy Osakue è un'atleta specializzata nel lancio del disco, primatista italiana under 23. "Ed è questa la città che vogliamo costruire e rappresentare", ha concluso il primo cittadino. Non mi piace usare la carta del razzismo ma questa volta lo è. Semplicemente perché quella zona tutti la conoscono perché ci sono prostitute di colore.

"Ormai è un'evidenza, che NESSUNO può negare, specie se siede al governo". Quei vigliacchi pensavano che fosse una di quelle ragazze che non li avrebbe denunciati. "Alla nostra campionessa Daisy tutta la solidarietà e la vicinanza del M5S".

La ragazza ha invece fatto sapere di non essere d'accordo: "L'hanno fatto apposta. Probabilmente stavolta volevano fare questo, ma hanno presto la persona sbagliata". Mi era già capitato di essere vittima di episodi razzisti, ma per lo più insulti verbali. "Ho visto l'auto che accelerava verso di me e quando mi è stata allineata sono stata colpita".

Comments