Formula 1, UFFICIALE: Ricciardo lascia la Red Bull

Adjust Comment Print

Mettendo sotto contratto Daniel Ricciardo diventa una grande opportunità per il Gruppo Renault di avvicinarsi ai propri obiettivi. Ricciardo lascia il mondo Red Bull dopo essere entrato nel 2008 come membro del Red Bull Junior Team.

La concorrenza fra i team in F1 sta raggiungendo livelli comici: ecco il comunicato ufficiale della Renault che annuncia l'arrivo di Riccardo. Capisco che c'è ancora molto davanti a me per consentire a Renault di raggiungere il suo target di competitività al livello più alto, ma sono rimasto colpito dai loro progressi in soli due anni, e so che ogni volta che Renault ha intrapreso una strada ha poi vinto. "Ma voglio ringraziare la Red Bull Racing e la Red Bull per tutto quello che hanno fatto per me". "Non è una questione di soldi, anche se è chiaro che voglio essere pagato in maniera appropriata", erano state le sue parole a Speedweek.

Al contempo stava trattando con Helmut Marko. Ricciardo finora vanta 7 vittorie in F1 e 29 podi. "Diamo il benvenuto nel nostro team a Daniel". E pare ormai storia quella telefonata con Dieter Mateschitz dopo la pole di Monaco, un dialogo avvenuto appena sceso dalla RB14 con il telefono di Marko.

" Rispettiamo la decisione di Daniel e gli auguriamo il meglio per il prosieguo della sua carriera". Attualmente Ricciardo guadagna circa il 40% in meno di Verstappen. E così ha virato con decisione sulla Renault. "La crescita della Renault negli ultimi due anni mi ha impressionato, e quando lotta per vincere ottiene sempre risultati".

MotoGP: Morbidelli pronto a tornare a Brno
Poca concorrenza? 46 punti di vantaggio sono tanti, ma i piloti Yamaha sono pericolosi e miglioreranno da qui a fine stagione. Marc Marquez a Brno vante 3 vittorie: una in Moto2 (2012) e 2 in MotoGP (2013, 2017), più 3 podi e 4 pole position.

Anche la McLaren, in ottica 2019, era sulle orme di Daniel Ricciardo.

A lui va comunque il merito di aver gestito, da solo, senza manager o quant'altro, una situazione personale non facile, e di aver nascosto fino all'ultimo le carte.

Inoltre Ricciardo crede fortemente nel progetto Renault di un team interamente sviluppato in casa con un compagno forte come Nico Hulkenberg. Il passaggio alla Red Bull del pilota iberico sarebbe saltato per un presunto veto di Max Verstappen, considerati i rapporti non ottimali fra i due già ai tempi in cui condividevano il box alla Toro Rosso.

Comments