Bucarest, romeni all'estero in piazza contro corruzione: oltre 440 feriti

Adjust Comment Print

Migliaia di romeni, la maggior parte emigrati all'estero, hanno chiesto le dimissioni del governo socialdemocratico sfilando per le vie di Bucarest e a piazza Victoria, dove ha sede l'esecutivo. Sono 65 le persone ricoverate, tra loro anche 9 agenti anti-sommossa. Centinaia di persone hanno tentato di forzare i blocchi della polizia e gli agenti hanno risposto con lacrimogeni e spray urticanti, respingendoli. Il governo è stato accusato dai manifestanti, tra 30 e 50 mila, di essere "corrotto". Il presidente rumeno Klaus Iohannis, membro del Partito nazionale liberale, che è all'opposizione, ha criticato l'intervento della polizia definendolo "brutale" e "molto sproporzionato rispetto al comportamento dei manifestanti".

La protesta è degenerata nella tarda serata: la polizia ha lanciato lacrimogeni e sparato acqua, mentre alcuni dimostranti tiravano pietre, bottiglie, fumogeni e petardi.

Contribuenti in difficoltà, governo: "pace fiscale dal 2019"
ROMA , 7 AGO - 'Pace fiscale' da gennaio 2019 per consentire ai contribuenti in difficoltà di rimettersi in regola con il fisco . Le possibili entrate della pace fiscale prevista dal contratto di governo M5S-Lega sono scese da 35 a 3,5 miliardi di euro.

Secondo le stime della Banca Mondiale, sono tra i tre e i cinque milioni i romeni che vivono e lavorano all'estero, costretti a lasciare il Paese a causa di un sistema di governo "basato sulla corruzione, gli stipendi troppo bassi e la mancanza di opportunità", hanno affermato oggi i dimostranti.

Comments