San Francisco: Monsanto condannata a risarcire malato di cancro

Adjust Comment Print

Monsanto, che ricorrerà in appello, ritiene che il cancro si sia sviluppato indipendentemente dall'uso della sostanza. Dopo un mese di dibattimento, i giurati hanno sentenziato all'unanimita' che la Monsanto ha agito con "malizia", nascondendo i possibili effetti sull'uomo, e che i suoi diserbanti hanno contribuito "sostanzialmente" alla malattia terminale di Dewayne Johnson, il giardiniere 46enne che ha fatto causa. A stabilirlo è stato un giudice della California. Per i giudici l'azienda ha omesso di segnalare la pericolosità dell'erbicida "Roundup". Per lei la colpa è del roundup, erbicida della Monsanto che spruzzava sulle erbacce portando il nebulizzatore sulle spalle. La Monsanto ha sempre negato qualsiasi collegamento con la malattia. Ma l'avvocato di Johnson, Brent Wisner, ha dichiarato che il verdetto "dimostra che le prove sono schiaccianti" che il prodotto rappresenta un pericolo.

California, Monsanto risarcirà un malato di cancro per 289milioni: il momento della sentenza Ha vinto la sua ultima battaglia Dewayne Johnson, giardiniere di 46 anni malato di cancro al sistema linfatico in stato avanzato.

Juventus, Douglas Costa: "Cristiano Ronaldo ci farà raggiungere importanti traguardi"
Questa mattina è stato lo stesso CR7, con un post Instagram , a far sapere che con Dybala forma una coppia vincente. Così, archiviata l'era Higuain, un biennio positivo per il Pipita in bianconero, ecco l'era Cristiano Ronaldo .

Nel 2015, però, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell'Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ha classificato la sostanza come potenzialmente cancerogena. Prima della drammatica diagnosi, Johnson, padre di due ragazzini di 10 e 13 anni, era il giardiniere del Benicia Unified School District, responsabile della lotta a vegetali e animali dannosi sui terreni delle scuole della piccola localita' californiana, a nord-ovest di San Francisco. Nel 2016 Johnson ha deciso di denunciare la Monsanto, difeso da un studio legale esperto, The Miller Firm, che aveva chiesto 400 milioni di dollari di risarcimento. Prima di questa condanna, Monsanto aveva già raggiunto un'intesa extragiudiziale con una località della Virginia occidentale che per anni aveva ospitato uno stabilimento di produzione del principale ingrediente di un prodotto usato abbondantemente dall'esercito in Vietnam. Ma in realta' sono piu' di 4.000 i cittadini statunitensi che affermano che il Roundup li ha fatti ammalare e sono intenzionati a procedere legalmente; e negli Usa sono gia' in corso migliaia di procedimenti a carico della multinazionale americana di biotecnologie agrarie.

Comments