Genova, crolla ponte autostrada: 39 morti, si scava ancora

Adjust Comment Print

Ora dopo ora aumentano i dettagli sul terribile disastro che ha colpito la città di Genova. I morti accertati sono 39 ma decine i dispersi. Ma, per chiedere se si può dare una mano a gestire il centro come volontari, e per chiedere di persona quali sono le necessità del momento, si può chiamare il numero 800177797. Sono 38 i morti dovuti al crollo del ponte Morandi, avvenuto martedì mattina a Genova. Il ragazzo è volato per 80 metri con la sua automobile ed è uscito miracolosamente illeso dall'impatto. "Al momento le ipotesi di reato sono tutte a carico di ignoti perché bisogna individuare prima le possibili cause" ha aggiunto il procuratore. Stavo andando a Genova, ero sul ponte. Il gruppo, in una nota, ha assicurato che il viadotto Polcevera "era monitorato dalle strutture tecniche della Direzione di Tronco di Genova con cadenza trimestrale secondo le prescrizioni di legge e con verifiche aggiuntive realizzate mediante apparecchiature altamente specialistiche". "Ho visto il ponte cadere davanti ai miei occhi". Il premier ha incontrato anche il camionista ricoverato in terapia intensiva che si è miracolosamente salvato dal crollo del viadotto.

DI MAIO: AUTOSTRADE RESPONSABILE, VIA I VERTICI E LA CONCESSIONE -"Certo che si poteva evitare: le condizioni visibili a tutti, non a un ingegnere, lasciano capire che la manutenzione non è stata fatta e per questo il ponte è crollato. Però più passa il tempo e più è difficile", spiega un soccorritore. "Autostrade non ha fatto la manutenzione. Toninelli ha avviato le procedure" per il ritiro della concessione. Questo è il nostro compito e per farlo faremo tutto quello che è necessario. Ci troviamo con uno dei più grandi concessionari europei che ci dice che quel ponte era in sicurezza e niente faceva pensare a un tale crollo strutturale. "Inizialmente pensavamo fosse un tuono vicinissimo a noi, abbiamo sentito un boato incredibile".

Il sito ungherese 444.hu critica invece il tentativo del ministro dell'interno Matteo Salvini di addossare la responsabilità della tragedia alle istituzioni europee. L'uomo ha riportato solo una slogatura e una botta all'anca: "Penso sia un miracolo".

Inter, Keita è arrivato a Milano: iniziate le visite mediche per l’attaccante
Una situazione chiara fin da ieri, quando l'Inter aveva memorizzato la difficoltà di uno scambio. L'attaccante senegalese classe '95 torna in Italia dopo appena un anno.

Tra le vittime causate dal crollo di ponte Morandi risula esserci Vincenzo Licata, 58 anni, nato ad Agrigento. Sono vicino a tutte le famiglie delle vittime.

"Ho seri dubbi che le case sotto il ponte possano essere mantenute". La gente scappa proprio per queste cose.

Comments