Inter, Spalletti: "Dobbiamo giocarcelo lo scudetto ma la Juve è davanti"

Adjust Comment Print

L'esordio in Serie A per l'Inter sarà domani sera al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro il Sassuolo di De Zerbi.

L'Inter è il club che ha regalato più vittorie al Sassuolo in Serie A. I 10 incroci tra i due club sono infatti terminati con 6 vittorie emiliane e 4 nerazzurre, senza registrare mai un pareggio.

Vrsaljko e Perisic tornati tardi dopo il Mondiale, ma potrebbero giocare dall'inizio: "Perisic conosce la squadra, Vrsaljko no. Però entrambi non hanno giocato amichevoli e quindi bisogna ragionare in maniera corretta per lo sviluppo della gara, non solo per la scelta iniziale". Ballottaggio fino alla fine con Miranda, ma l'Inter non prenderà rischi. Le condizioni poi sono peggiorate in Nazionale. Parlando di obiettivi da raggiungere Spalletti non si sbilancia: "Dobbiamo posizionarci in un confronto europeo di quelli importanti, l'obiettivo è vincere più partite possibili in campionato e rimanere in Champions League a lungo". Noi, Napoli, Roma, Milan, Lazio possiamo tutte provare a lottare per lo scudetto perché ci siamo rinforzate tutte. "E' un calciatore che ha potenzialità superiori al rendimento della scorsa stagione". Poi di volta in volta vedremo come si sviluppano le cose. Sono elementi forti, non bisogna sbagliare sul suo recupero. Potrei scommettere su diversi calciatori, soprattutto sui nuovi arrivati. "Lautaro Martinez, da parte sua, è un giocatore molto forte che vogliamo usare". "Quest'anno mi aspetto molto da Brozovic e Vecino, possono fare meglio", ha concluso Spalletti. Questo significa tentare di vincere contro qualsiasi avversario. Modric? Parlo dei giocatori dell'Inter e lui veste la maglia del Real Madrid.

"Non mi metta contro su delle cose dette in passato, avevo fatto riferimento al pensare a voce alta sopratutto per non illudere i tifosi".

Genova: Salvini nella città ligure per cercare di fare chiarezza
Gli sfollati sono costantemente seguiti sia dalla protezione civile che dai vigili del fuoco con un impegno straordinario. Ma quali sono questi interventi? Il 4 settembre si voteranno le risoluzioni sulle comunicazioni del governo.

"Il problema è far si che queste cose non riaccadano più". "Ha capito qual è la sua posizione in campo e dove può fare la differenza". "E' un calciatore forte, può diventare il capitano di qualsiasi squadra per come è costruito a livello di fisico e di testa".

"Mi aspetto che faccia meglio dello scorso anno, quando è stato limitato dalla pubalgia per un bel pezzo del campionato".

Su Joao Mario: "Non è presente per affaticamento muscolare ed è la verità".

Comments