ULTIM'ORA - Juventus, Marchisio rescinde il contratto

Adjust Comment Print

Si chiude dopo 25 anni la vita in bianconero di Claudio Marchisio. L'addio era nell'aria da settimane, il Principino era alla ricerca dell'accordo con la società per la buonuscita (intorno ai 3 milioni), ma il comunicato ufficiale della Juventus, a poche ore dall'esordio in campionato, ha spiazzato il popolo juventino. La cosa più difficile da mantenere, quando tutto l'ambiente è gasato a mille e itifosi della Juve sono tutti pazzi per Ronaldo, la cui maglietta bianconera numero 7 sta andando a ruba in tutti gli store. Noi, come Juventus, siamo grati per tutto quello che ha fatto, in termini sia di prestazioni sportive, ma anche e soprattutto come uomo, per il suo carisma, la sua serietà, che ha dimostrato in questi anni di militanza nella Juventus. Lui ne aveva appena sette, una voglia matta di giocare e la testa piena di sogni.

Roma, il primo teaser trailer del film di Alfonso Cuarón
Al centro del film, anche un evento noto come il massacro del Corpus Christi , la violenta repressione di una protesta studentesca da parte di un corpo d'elite dell'esercito messicano avvenuta nel 1971.

Grazie, è la parola che i tifosi scrivono con più frequenza tra i commenti al post di commiato che ha pubblicato la Juventus su Instagram. Gia' allora, lo ha raccontato tante volte, sognava un giorno di continuare a vestire quella maglia, ma 'tra i grandi', in uno stadio vero, lottando per i trofei piu' importanti. Con un totale di 389 presenze è diventato il 18esimo giocatore bianconero con più presenze in assoluto, dopo aver vinto sette scudetti, quattro Coppe Italia e tre Supercoppe italiane. Ne ha fatti 37, 10 in una sola stagione, la 2011/12, chiusa in doppia cifra come un attaccante di razza. "Quei sogni di bambino li ha realizzati". Noi ci adeguiamo e dobbiamo farlo nel rispetto e vicinanza che abbiamo nei confronti di chi ha subito questa tragedia. E un piacere sarà seguirlo ancora, con qualsiasi maglia indosso. Non una sorpresa in senso assoluto, considerato che da tempo si vociferava di una possibile cessione del centrocampista, scalato all'ultimo posto nelle gerarchie di centrocampo di Allegri, a lasciare un po' con l'amaro in bocca sono le tempistiche, con una stagione ormai alle porte e la sensazione di aver atteso a questo punto troppo il momento dell'addio.

Comments