Diciotti aperta inchiesta, l'Ue: "Al lavoro per una soluzione"

Adjust Comment Print

"Diciotti - scrive Toninelli su Facebook, abbozzando una difesa d'ufficio della nave della Guardia costiera italiana finita nel mirino per il suo contestato intervento in zona Sar maltese - dimostra che l'Italia non si tira mai indietro quando si tratta di salvare vite umane. Ora l'Europa faccia in fretta la propria parte", ha affermato il titolare del Mit.

La nave Diciotti della Guardia costiera, da cinque giorni in mare davanti alla costa dell'isola di Lampedusa con a bordo 177 migranti, sta prendendo il largo e si starebbe dirigendo verso il porto di Pozzallo, nel Ragusano.

Dal Mit, tuttavia, assicurano che non c'è alcuno "scontro" tra i ministri Toninelli e Salvini, "che anzi condividono l'approccio complessivo sull'emergenza immigrazione".

"Se altri Paesi Ue non prendono parte dei migranti, no ai 20 dell'Aquarius" Il ministro ha chiarito che "se altri Paesi non prenderanno parte dei 170 migranti salvati dalla motovedetta italiana, noi non ci faremo carico dei venti dell'Aquarius (la navedella ong approdata a La Valletta, ndr)".

Tale attesa sembra configurare una violazione dell'obbligo in capo all'Italia di fare quanto possibile per ridurre al minimo la permanenza dei sopravvissuti a bordo della nave che ha effettuato il salvataggio (Linee Guida IMO soccorso in mare, par. 6.8).

Atlantia tocca minimo da ottobre 2014, governo minaccia revoca concessione
Sulla parita' Bbva, oggetto di forti vendite nei giorni scorsi, mentre a Parigi cede l'1,66% il Credit Agricole. Questo potrebbe provocare il pagamento di penali da parte dello Stato che arriverebbero anche a 20 miliardi.

Attraverso Twitter il ministro pentastellato aveva ringraziato gli uomini della Guardia costiera e aveva dato il via libera: "La nave Diciotti attraccherà a Catania".

Dopo giorni di tira e molla tra Roma e Bruxelles sul destino dell'imbarcazione della Guardia Costiera, - che ha creato insofferenza tra Viminale e Marina l'impasse non si sblocca, dunque. Sul molo siciliano non sono stati avvistati volontari o membri della Protezione Civile che potrebbero assistere i migranti.

Salvini: operazione di soccorso avvenuta senza informare il Viminale Quel barcone è stato "bellamente ignorato, anzi viene accompagnato verso le acque italiane, dalle autorità maltesi", ha attaccato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

"Se non si trova una soluzione europea - ha ribadito Salvini parlando del caso della nave Diciotti - i migranti devono tornare in Libia". Stamattina il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà, Mauro Palma, aveva informato le alte cariche dello Stato con alcune sue valutazioni sul caso, ritenuto di "rilevanza umanitaria".

Comments