Sting canta per gli operai della Bekaert: concerto di solidarietà a sorpresa

Adjust Comment Print

Una sorpresa particolarmente gradita quella che stamattina hanno ricevuto gli operai che partecipavano al presidio di protesta davanti ai cancelli della Bekaert di Figline Valdarno, in provincia di Firenze.

La rockstar inglese, reduce dall'ultimo tour in tutta Italia, ha ascoltato attentamente le storie dei lavoratori e le ragioni della loro lotta, facendosi raccontare di come si è arrivati alla possibile chiusura, per il momento rimandata di un mese dopo gli incontri al Ministero dello Sviluppo Economico. Successivamente Sting ha espresso la sua solidarietà e la sua vicinanza ai lavoratori e alle famiglie dei presenti, circa quattrocento in totale, iniziando poi il concerto con le sue canzoni più note: da The Last Ship passando per Message in a bottle, fino all'italianissima Una vita da mediano, cantata da Luciano Ligabue.

È morto Vincino, vignettista del Foglio
Nel 1988 esce 'Cuore' e Vincino ne diventa una delle colonne portanti, fino alla chiusura. In queste ultime settimane aveva pubblicato un nuovo libro: Mi chiamavano Togliatti .

Il cantante, che proprio a Figline ha la sua tenuta (Il Palagio), dove insieme alla moglie produce vino e altri prodotti tipici, ha parlato con lavoratori, sindacalisti e il sindaco Giulia Mugnai.

Il gesto, inoltre, è avvenuto di sua spontanea volontà: "È stato Sting a contattarci - ha detto Alessandro Beccastrini, leader della Fim/Cisl della Toscana - anticipandoci l'idea di venire a portare la sua solidarietà. La sua presenza e la sua musica ci hanno aiutato a tenere alta l'attenzione su una vertenza che vogliamo portare fino in fondo, fino a scongiurare in chiusura di questo stabilimento".

Comments