Dazn lo ammette: ci sono dei problemi

Adjust Comment Print

Internet però non perdona, così le notifiche delle applicazioni che annunciavano il gol di Immobile ad esempio - per la cronaca arrivato al 25esimo minuto del primo tempo - hanno anticipato la trasmissione delle immagini.

Troppi i fattori in gioco per riuscire a ricostruire la natura dei problemi: i server in difficoltà, la CDN saturata, alcuni nodi periferici della rete in crisi o addirittura semplicemente la rete locale degli utenti non efficiente.

Nelle pagine ufficiali di DAZN sui social sono imperversate migliaia e migliaia di proteste furiose pervenute dagli utenti, i quali richiedono serietà e soprattutto che gli venga proposto un servizio decente. Pertanto, la pila tecnologica Dazn è progettata per gestire in modo intelligente tali problemi spostando gli utenti tra una miriade di Cdn e i relativi database. "Siamo prontamente intervenuti, risolvendo la situazione nel minor tempo possibile", ha sottolinea in una nota Dazn che, evidentemente, è ancora al lavoro per tarare al meglio il servizio ed evitare problemi di questo genere.

Le dichiarazioni di Asia Argento: "Mai avuto rapporti sessuali con Jimmy Bennett"
Anthony si impegnò personalmente ad aiutare Bennett economicamente , a condizione di non subire più intrusioni nella nostra vita . Il NYT riferisce che tre persone vicine alle indagini hanno identificato i due attori.

Un po' meno soddisfatti i tifosi interisti, che seguendo in streaming la partita di Spalletti hanno visto il tentativo di recupero nel finale in tv mentre la partita era già - purtroppo per loro - finita. Inoltre spengere gli altri dispositivi che sono collegati a casa col Wifi per avere una connessione più libera e diretta e magari più veloce, almeno si spera. Non è la sede giusta per entrare nel merito tecnico dei problemi: in tanti hanno tirato in ballo l'arretramento tecnologico del nostro Paese, che è uno dei peggiori del continente per accesso alla rete.

Lazio-Napoli ha deluso le aspettative: scarsa qualità, immagini che andavano a scatti per pochi secondi e interruzioni, oltre ai pixel fastidiosi al momento della ripartenza delle immagini. Si torna al 4-3-3 con De Zerbi, a fare perno centrale è capitan Magnanelli con Djuricic e Duncan che sembrano essere favoriti per agire sulle mezzali; interessante il progetto che prevede Kevin Prince Boateng da finto centravanti, a fare compagnia al ghanese nel tridente offensivo saranno Domenico Berardi e Federico Di Francesco.

Per questa trasferta il club rossonero ha deciso di cambiare la solita scelta per quanto riguarda la sede del ritiro nel capoluogo partenopeo. Colpa dei troppi accessi contemporanei (non calcolati?), o forse dell'infrastruttura di base italiana che non è proprio tra le migliori.

Comments